Serie tv: The Paradise ovvero come la BBC ci conquistò con il suo allure d’altri tempi…

by - 22:02

 

La BBC non ne sbaglia una, a quanto pare, quando si tratta di sceneggiati in costume. Dopo il successo di Downton Abbey, arrivato ormai alla terza stagione in patria mentre la seconda è ora in onda su Rete4, quest’anno l’emittente britannica ha dato il via a una nuova serie, questa volta ambientata in piena epoca vittoriana. Si intitola The Ladies Paradise, meglio conosciuto The Paradise, basato sull’omonimo romanzo di Emile Zola e capace di conquistare il pubblico al punto da assicurarsi già una seconda stagione.

Siamo in una città nel Nord dell’Inghilterra e Denise Lovett è appena giunta dalla campagna inglese per trovare lavoro nel negozio di sartoria dello zio. Ma una brutta sorpresa troverà ad attenderla. Lo zio non può tenerla con sé perché gli affari vanno male. Tutta colpa di The Paradise, il nuovo grande magazzino che Mr Moray ha aperto in Tollgate Street rendendo la vita difficile a tutte le botteghe dei dintorni. Denise è preoccupata per la sorte dello zio e della sua, senza un posto dove andare e senza un lavoro, ma al contempo è affascinata da quel grande negozio, una novità assoluta nella società post rivoluzione industriale dell’epoca, in cui ogni desiderio sembra poter divenire realtà. Denise, ragazza ambiziosa, non ha alcuna esitazione. Entrerà a far parte dello staff di The Paradise, nel reparto abbigliamento femminile gestito dalla rigida Miss Audrey e ben preso si farà notare da tutti per il suo talento negli affari, al punto che Mr Moray la chiamerà “my little champion”. Un futuro pieno di soprese si aprirà davanti all’orizzonte della giovane shopgirl, mentre il mondo intorno a lei cambia alla velocità della luce…

La storia di Denise e di The Paradise conquista fin dal primo momento in cui la giovane campagnola posa lo sguardo sulla scintillante ed elegante facciata del grande magazzino. Subito si è avvolti in un’atmosfera d’altri tempi, in un ritorno a ritroso del tempo che affascina e ci rende subito più sentimentali e propensi a seguire un mondo che oggi ci appare ingenuo eppure così intrigante… I personaggi contribuiscono a creare tali suggestioni. Quello di Denise (Joanna Vanderham) è sicuramente un personaggio straordinario, uno di quelli a cui non ti affezioni subito e proprio per questo riesci ad apprezzarlo meglio. Ambiziosa, intelligente, acuta, perspicace, dotata di ingegno ed eleganza, una ragazza dell’ottocento che appare quanto mai moderna al punto da rispondere, alla collega che le chiede se guarda con occhi adoranti il padrone del The Paradise, nonché suo capo, perché si è innamorata di lui, che in realtà lei lo guarda così non perché vuole sposarlo, bensì perché vuole essere come lui. Non c’è da meravigliarsi se Mr John Moray, proprietario del grande magazzino, appaia soggiogato da Denise fin dal loro primo incontro. Moray (Emun Elliott) è il classico borghese che si è fabbricato da sé la sua fortuna e tenta la scalata societaria per conquistare gradino su gradino una posizione più prestigiosa e degna di rispetto. All’inizio non vi piacerà, con la sua aria da arrivista e da squalo capitalista, pronto a inglobare la via con il suo paradiso per signore, incurante dei poveri piccoli bottegai dalle ormai magre entrate, e la sua fidanzata aristocratica e snob, Katherine Glendenning. Ma John Moray è anche un uomo visionario, con idee provenienti dal futuro e un sogno da realizzare, un vedovo devoto che vive del dolore di una perdita misteriosa e che o affligge, un capo giusto e benevolo che di fronte all’ingegno di una sua commessa non si mostra prepotente ma sta al gioco e accetta consigli per migliorare il suo negozio, tutta la sua vita. Si arriva ad apprezzarlo, l’affascinante Moray, e a tifare per lui e Denise. A mettere pepe all’intera vicenda ci pensa lei, naturalmente, Miss Glendennig, figlia di un lord e pronta a tutto per fare suo Moray. Miss Glendennig è viziata snob e arrogante, eppure non si riesce a odiarla e a tramare contro di lei, perlomeno non da subito. Katherine è tenace e sa quello che vuole, non è affettata o melodrammatica come ci si aspetterebbe dalla unica figlia viziata di un ricco banchiere, e ama in modo incondizionato il suo John, al punto da affrontare vari ostacoli  e accettare le sfide che di volta in volta il suo amato le porrà davanti. Perché conquistare Moray non è cosa semplice… Attorno a loro si muove una compagine di commessi, venditori, banchieri, bottegai, dame, gentiluomini, ragazzini di strada e oscuri figuri come Mr Jonas. Clara, Sam e Pauline sono i compagni ideali per la giornata di lavoro al The Paradise, con le loro vite da working class, i loro passati a volte tristi e difficili, i loro segreti, gli amori nascosti e i pettegolezzi sempre all’ordine del giorno. Miss Audrey (Sarah Lancashire) è invece gloriosa, nel suo essere precisa, rigorosa, un po’ superba ed egocentrica, devota solo al Mr Moray e al suo lavoro, al punto di aver sacrificato l’amore per la sua “carriera”; una donna speciale che nasconde misteri e segreti che lentamente l’arrivo di Denise aiuterà a svelare, mostrandoci il suo lato più umano.

Potrei parlare di The Paradise per ore. Potrei raccontarvi ogni angolo e anfratto del negozio, ogni lacrima o risata dei suoi abitanti, ogni segreto e diceria che in esso si nascondono.  Potrei disquisire di come The Paradise diventi lo specchio di una società dinamica e in continua evoluzione, emblema di quell’era del progresso che allora era nata e in cui tutti credevano ciecamente, un mondo dove tutto pareva possibile e a portata di mano per ogni uomo, purché quest’ultimo volesse davvero cogliere le occasioni che la vita gli offriva. Potrei descrivervi come questa serie penetri nella nostra vita da spettatori seriali lentamente, in modo sottile, con un primo attimo di diffidenza che lascia poi spazio allo splendore di una serie brillante in ogni sua parte, il cui unico neo è l’esser finita troppo presto. Potrei dire questo e molto altro. Ma lascio a voi il piacere di scoprire il resto…

You May Also Like

15 commenti

  1. Ho iniziato a vederlo, mi piace! Mi è venuto da sorridere quando il padre di Miss Glendennig chiede a Moray se è sicuro che le donne continueranno a voler comprare vestiti e fronzoli... all'epoca gli uomini ignoravano ancora il potere dello shopping, ehehe!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha! Infatti... Moray invece ci aveva visto giusto...

      Elimina
  2. Non lo seguo.

    Buon sabato cara!

    RispondiElimina
  3. Sembra interessante...
    Ora ti auguro un buon 2013!

    RispondiElimina
  4. Sono contenta di sapere che ti è piaciuto!!! Indubbiamente la miniserie migliore della tv inglese del 2012, un piccolo gioiello!

    ;-)

    RispondiElimina
  5. Non vedo l'ora che esca anche qui da noi, la trama mi ispira un sacco. Attenderò con ansia insieme alla terza stagione di Downton Abbey!

    RispondiElimina
  6. non me ne intendo di telefilm però questo sembra interessante, prima devo finire però Sex and the city!

    RispondiElimina
  7. ciao a tutti esiste anche il primo fans club italiano di the paradise
    seguiteci per le news.....e altro...
    il compositore delle musiche di the paradise è venuto a trovarci... trovate la piccola intervista in bacheca
    https://www.facebook.com/theparadiseItalianFanPage?ref=ts&fref=ts

    RispondiElimina
  8. facebook: the paradise italian fanpage
    twitter: theparadiseita

    RispondiElimina
  9. Ho seguito questa serie e me ne sono innamorata perdutamente !
    Non vedo l'ora di vedere che succederà nella season due !!
    E' diverso dai soliti period drama, che pure amo molto; è dinamico, "vivace" e crea dipendenza !!!

    RispondiElimina
  10. trường ngoại vực. Trong lòng Vương Lâm mơ hồ đã có câu trả lời. Hắn liếc

    nhìn nữ đệ tử một cái, nói:

    - Có bao nhiêu danh ngạch tiến vào chiến trường ngoại vực?

    Nữ tử ngẩn người, do dự một chút, nhưng khi nhìn ánh mắt lạnh lùng của Vương Lâm, lại rùng mình, vội vàng nói:

    - Ba cái... chỉ có ba cái danh ngạch.

    Nói xong, nàng lo lắng mình nói

    không rõ, rất có thể làm cho đối phương nổi sát tâm, vì vậy vội vàng bổ

    sung:trung tâm kế toán tại hà đông
    http://nguoicodanh.net
    http://chotruongyen.com
    http://caubesieunhan.com
    dịch vụ làm báo cáo tài chính

    dịch vụ kế toán thuế
    eco green city
    chung cư goldmark city
    công ty làm dịch vụ kế toán
    chung cư 89 phùng hưng
    tiếng anh cho trẻ em
    chung cư newskyline
    hateco hoàng mai
    chung cư hà nội
    dịch vụ hoàn thuế
    dịch vụ kế toán thuế


    - Tổng cộng có bảy cái lệnh bài. Nhưng khi thông đạo vào ngoại vực chiến

    trường mở ra, nếu có quá ba cái lệnh bài không bị tiêu hủy thì Triệu

    quốc sẽ mất tư cách đi vào chiến trường.

    Vương Lâm liếc mắt nhìn đối phương. Nữ đệ tử sợ hãi, nói nhanh:

    - Đạo hữu! Ba cái lệnh bài còn lại, ta biết một cái ở chỗ nào. Nếu ngươi bỏ qua cho ta, ta sẽ nói rõ.
    Chương 102: Liễu Mi
    - Nói đi.

    Vương Lâm vẫn thản nhiên, lạnh lùng nói.

    RispondiElimina