sabato 31 gennaio 2015

Fragola al cinema: La teoria del tutto

la teoria del tutto big

Candidato a cinque premi Oscar, tra cui quello come miglior film e miglior attore protagonista, La teoria del tutto è il biopic dedicato alla vita e alla storia d’amore tra l’astrofisico e cosmologo Stephen Hawking e la sua prima moglie Jane Wilde, la donna che lo affiancherà dagli inizi dei suoi studi sull’universo fino alla sua piena affermazione e dalla quale si separerà nel 1991 dopo più di vent’anni di vita insieme. Uno dei film più attesi di quest’anno, che conferma il talento di Eddie Redmayne in un ruolo tutt’altro che semplice, si iscrive a quel bel filone di pellicole dalle storie edificanti raccontate in modo elegante e discreto, senza farsi mancare un certo sentimentalismo e una buona carica emotiva,  nel pieno stile britannico che pare essere la tendenza del momento. Un film che cerca di mettere in luce l’uomo piuttosto che lo scienziato, mettendo in evidenza la capacità di noi uomini di metterci in gioco sempre e affrontare anche le prove più dure che la vita riserva, e che infine sembra volerci suggerire come, all’origine di tutto, ci siano sempre e solo quell’unico meraviglioso sentimento che ci accomuna e che chiamiamo amore.

domenica 25 gennaio 2015

Serie TV: The best, the worst, the most [St. 3 Episodio 8]

SHAMELESS (Season 5)

Finalmente riparte anche la rubrica dedicata al meglio e al peggio della serialità televisiva. Ormai il winter break è finito per molti show, mentre è agli sgoccioli per altri e qualche stagione è persino giunta al termine. Bando agli indugi, quindi, e vediamo cosa ci ha riservato il mondo delle serie tv nei giorni scorsi.

giovedì 22 gennaio 2015

Book Wishlist Inspiration Board: La Lista di Lisette di Susan Vreeland

bannerwishlistboardinspiration

Il nuovo appuntamento con Book Wishlist Inspiration Board ci porta in Francia, tra gli anni ‘30 e ‘40, campi di lavanda e opere di maestri dell’arte internazionale, in compagnia di una protagonista a difesa dell’arte e della civiltà in uno dei momenti più bui della storia: La Lista di Lisette di Susan Vreeland.

lunedì 19 gennaio 2015

Recommendation Monday: Consiglia un libro per rilassarsi

bannerrecommendationmonday2

Buon lunedì! Oggi è il Blue Monday e quindi il Recommendation Monday lo dedichiamo a qualcosa che ci aiuti a rilassare e magari a recuperare il sorriso:

consiglia-un-libro-per-rilassarsi

Il libro di questa settimana è considerato come un piccolo capolavoro di comicità e un dissacrante e geniale ritratto della società americana e non solo. Un racconto ironico e sagace, che sa regalarti delle ore di relax, divertimento, ma soprattutto di qualità, in compagnia di uno degli autori più rappresentativi della letteratura americana. E poi, l’ambientazione su una nave da crociera è perfetta per sognare ad occhi aperti tra una riunione in ufficio e un autobus di troppo da prendere… o forse, visto il taglio che l’autore dà al racconto, ci farà sentire più fortunati di essere dove siamo. Il libro di oggi è Una cosa divertente che non farò mai più di David Foster Wallace.

recommendation-monday-libro-per-rilassarsi

E voi che libro consigliate per rilassarvi?

Buona settimana!

sabato 17 gennaio 2015

Due cose due #3

due-cose-due-banner

Torna Due cose due, la rubrica che racconta libri, cinema ed eventi a due a due! Primo appuntamento del 2015, che fin dalle sue prime settimane si sta dimostrando decisamente intenso e pieno di cose da fare, vedere, ecc… segnate tutto!

Libri

Tra i libri in uscita questo mese la mia curiosità si è soffermata in particolare su due titoli:

A con Zeta - Hakan Günday – Marcos y Marcos. C’è una bambina di nome Derdâ: deve abbandonare la scuola e il suo villaggio in Turchia per seguire a Londra un marito crudele. C’è un bambino di nome Derdâ: vive in una baracca dietro un cimitero di Istanbul e si guadagna il pane lucidando le tombe. Come la A e la Zeta, non potrebbero essere più lontani, e in mezzo ci sono tutte le parole che devono ancora dirsi. Derdâ corre per le vie di Londra con un dizionario in mano; si è guadagnata la libertà facendo la pornostar in chador. Derdâ si fa tatuare il nome di uno scrittore sulle dita; corre per le vie di Istanbul con un romanzo in tasca e una pistola in pugno. Loro non lo sanno, ma si stanno correndo incontro. Lui troverà lei in un video porno; lei troverà lui all’incrocio tra letteratura e vita. Si riconosceranno grazie a un libro, a unirli per sempre saranno i corpi e le parole; come la A e la Zeta, saranno l’una per l’altro inizio e fine. Un romanzo tenerissimo e insolente.

 

giovedì 15 gennaio 2015

Golden Globe 2015: tra vincitori, vinti e tanto glamour

Domenica scorsa in quel di Beverly Hills si è tenuta la 72esima edizione dei Golden Globes, un po’ gli apripista degli Oscar. Con loro si dà inizio alla stagione dei premi e dei red carpet, mentre si apre il dibattitto tra chi avesse il vestito migliore e quale fosse il film che meritava di essere premiato che durerà fino alla notte della Accademy. D’altronde ben vengano, se si tratta di eventi che ci permettono di allontanarci dalle beghe di tutti i giorni per qualche ora e lasciarci andare ai sogni a occhi aperti.

72nd Annual Golden Globe Awards - Arrivals

527809523BG00008_The_Weinst

domenica 11 gennaio 2015

Fragola al cinema: The Imitation Game

imitationgameteaserposter_727

La storia di Alan Turing, uno dei padri dell’informatica oltre che grande matematico e uno dei più importanti crittografi britannici all’epoca della Seconda Guerra Mondiale, ci viene raccontata in The Imitation Game, un biopic da forti accenti britannici e dalle interpretazioni intense, che cerca di dare forza e vigore alla figura di un uomo straordinario, il cui grande genio viene messo al servizio di una patria che purtroppo non saprà mostrargli la gratitudine meritata. Candidato a 5 Golden Globe, il film si avvale di un bravissimo Benedict Cumberbatch, in odore di Oscar e capace di dare alla figura di Turing tutto lo spessore e la tensione che il ruolo richiedeva, e una sempre talentuosa Keira Knightley nella parte dell’unica donna mai stata così vicina al genio. Un film che risponde con cura e commozione alla necessità di una vicenda che andava e va raccontata, ma che forse avrebbe potuto osare di più.