14 commenti
  1. Non conoscevo questo libro, sembra molto "delicato" :)
    Il mio Recommendation Monday (come hai visto) è un po' più "selvaggio", ma sempre invernale! ^_^

    http://www.peekabook.it/2013/12/recommendation-monday-consiglia-un_9.html

    A presto!

    Valentina
    www.peekabook.it

    RispondiElimina
  2. Ho provato a leggerlo, ma l'ho abbandonato. Io e la Yoshimoto non siamo sulla stessa linea: quella scritta così... delicata, a tratti infatile, mi irrita. Forse sarò l'unica a pensarla così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io della Yoshimoto lessi un sacco di tempo fa "Kitchen" e mi fece la stessa tua impressione. Non ci ho più riprovato con questa autrice, perché non ho idea se tutti i suoi libri siano così perché, in effetti, è uno stile di scrittura che infastidì un po' anche me.

      Valentina
      www.peekabook.it

      Elimina
    2. Io adoro le cose sussurrate e apparentemente naif, in grado più di evocare e lasciar correre le sensazioni del lettore che dare contorni precisi... credo, in effetti, che ogni stile ha un suo destinatario e che non tutti siamo fatti per la stessa tipologia di scrittura... lo stile della Yoshimoto non è per tutti e io stessa, in certi suoi romanzi, rovo difficoltà...

      Elimina
  3. Un solo libro invernale non mi viene in mente, però di solito in questo periodo dell'anno sono nel mood da saghe fantasy :)

    RispondiElimina
  4. Ma sai che non lo conosco?Però lo segno...

    RispondiElimina
  5. E' banale suggerire Canto di Natale di Dickens? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se te lo giochi ora, tra due settimane che mi racconti? :-D

      Elimina
    2. Un Natale e altri racconti di Truman Capote ;)

      Elimina
  6. Bello! E' uno dei miei preferiti di questa autrice! Non ricordavo, però, che fosse invernale!

    RispondiElimina
  7. Uno dei pochi libri della Yoshimoto che non ho ancora letto...dovrò rimediare!

    RispondiElimina
  8. io ne avevo letto uno suo e non mi aveva entusiasmato.

    A me (ovviamente perché sono malata) viene in mente Harry Potter e i doni della morte: la neve sulla tomba dei genitori di harry ;(

    RispondiElimina
  9. L'ho letto tempo fa.un libro molto bello,ma io per Banana ho un amore speciale!
    Concordo con te,a volte è un pò difficile da leggere.Ma poi ti prende per mano e ti porta nel suo mondo delicato...

    RispondiElimina
  10. Dimenticavo...devo iniziare a leggere L'ombra dello Scorpione di King,ma forse prima mi compro Il grande inverno di Martin.Ho la curiosità a mille!!!

    RispondiElimina