Mi sono rotta…e poi Venere…

by - 00:42

 

Settimana scorsa mi arriva una mail da un cpi per un tirocinio. Avevano ricevuto il mio cv e volevano incontrarmi per un colloquio. A Lugo (Ravenna). Prendo il treno da Torino fino a Bologna, poi fino a Lugo e faccio il colloquio. Tutti simpatici, va tutto bene. Forse il mese prossimo posso tornare a cercarmi casa a Bo. Ma poi la tipa mi chiede “Mal lei si è laureata a giugno 2011?” “Si, il 24” “Allora lei ha un limite: il nostro bando scade solo il 30 Giugno quindi non credo riusciamo a inserirla nel tirocinio…” Io la guardo per un attimo come se fossi diventata sorda. E nel frattempo mi si affaccia una domanda: ma se il bando lo fai scadere il 30 Giugno, cosa c***o mi chiami a fare? Pensi mi sia laureata il 31 Giugno? NON ESISTE! Dì la verità idiota: non l’hai letto il mio cv e mi hai fatto fare un viaggio inutile per sentirmi dire che sarei perfetta peccato essermi laureata a giugno…sono andata via in lacrime…

A marzo scorso mi contatta una casa editrice di Bologna. Mi propone un tirocinio che consiste in una traduzione di un romanzo. Esaltata accetto. Iniziano i problemi. Il tirocinio non si può più fare. Io intanto avevo cominciato a tradurre. “Continua e vorrà dire ti paghiamo” mi hanno detto. Senza tirocinio ma con una speranza continuo. Sono in attesa di sapere se mi pagheranno mai…

Ad aprile mi contatta un’associazione scientifica qui a Torino. Io sono laureata in lingue ma al colloquio pare non essere un problema. Gli intervistatori, scienziati, mi pongono davanti delle possibilità. Potrei occuparmi della parte in inglese che loro tendono a tralasciare, mi dicono. E della parte informativo comunicativa. Sono felice. Per me che amo stare con la gente sarebbe fantastico. “Parliamo con il direttore e poi ti facciamo sapere quando potrai iniziare” mi dicono. Attendo. Mi arriva dopo due settimane una mail in cui mi dicono che non possono prendermi perché non ho conoscenze scientifiche adeguate. E si che lo sapevate che non ero laureata in fisica quantistica ma in letterature comparate. Un altro buco nell’acqua.

A gennaio partecipo al bando del ministero dell’istruzione per fare l’assistente di lingua all’estero, Scelgo la Spagna. Spero che i crediti della laurea mi portino fortuna questa volta. Se avessi studiato il tedesco o il francese lo avrebbero fatto. Ma ho studiato spagnolo e per questo i punti non sono abbastanza per i posti previsti. Dopo 3 mesi di attesa, scopro di essere fuori.

Sempre a gennaio faccio un’altra domanda con un altro ente sempre per un posto di assistente. Qui i vincoli minori e ci sono più possibilità.  Aggiungo tra i paesi scelti anche quelli che danno punti bonus. Credo così di riuscire a trovare uno spazietto per me. Niente da fare. Anche questa volta, settimana sorsa arriva una lettera e scopro che sono fuori. Anche le mie amiche che hanno partecipato sono fuori. Siamo tutti fuori. Mi domando chi sia dentro…

Ogni volta sempre la stessa storia. Sono sempre esclusa da tutto ciò che tento di fare. C’è sempre un problema, un ostacolo insormontabile. E tu sei lì che guardi la tua vita scorrere senza una traiettoria, senza un percorso da seguire. Allo sbando. MI sembra id essere come il contadino che semina ma non raccoglie mai perché il terreno è arido. Tutto è morto intorno a me…

Ieri pomeriggio dopo i fatti di Lugo ho pianto. Tanto. Perché mi pare vada sempre tutto storto. Oggi inoltre è finito il corso è siamo tutti in bilico per scoprire se ci daranno uno stage. Se MI daranno uno stage. Ché essere generosi al momento non mi va…

Non nego di essere pessimista. Non nego di credere che dalla vita potrei meritarmi di più e mi ritrovo invece con niente in mano…

Poi questa mattina all’alba vado con i miei amici sui colli bolognesi a vedere Venere. Che bello stare lì, saliti i 300 scalini, a guardare il sole macchiarsi di un pianetino minuscolo…e pensi che la sera prima hai potuto condividere una birra con i tuoi amici di sempre, finalmente dopo tanto che non li vedevi…e ora sono qua appena tornata da un vino con le altre ragazze del corso, per festeggiare la fine e l’attestato e sperare in un futuro…e scoprirsi un pò più vicini…

Venere mi ha riallineato con il mondo…non so come abbai fatto, ma ci è riuscito…

Mi sono rotta della mia situazione…ma è la mia situazione e forse dovrei imparare a conviverci…e se c’è una cosa che mi permette di tollerarla è il poter condividere la mia vita con altre persone…mai come ora i rapporti umani mi sembrano l’unica cosa vera della mi intera esistenza…

e allora mi sono rotta, è vero, ma vado avanti…e speriamo sempre che girato l’angolo arrivi la pioggia a rendere fertile il terreno seminato…

You May Also Like

34 commenti

  1. Non arrenderti,vedo che sei una persona che non rimane con le mani in mano...continua a cercare vedrai che prima o poi troverai il tuo terreno fertile e raccoglierai i tuoi frutti...
    In bocca al lupo per il tuo futuro,un sincero abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Crepi crepi crepi sto lupo! (adesso arrivano gli animalisti e mi linciano!) :-D

      Elimina
  2. Leggere queste parole e sentire tanti discorsi simili in giro mi spaventa, mi laureo a luglio e a questo punto non so proprio cosa aspettarmi dal futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia cara, tranquilla!!! Laureati con la fiducia del domani...io credo che la laurea, per quel che mi ha fatto sudare soprattutto la tesi, sia ancora uno dei miei traguardi più belli...potrei anche finire a servire mcsfraifols al fast food (con tutto il rispetto per quel lavoro, che per me ogni lavoro ha dignità), ma sarei sempre orgogliosa di ciò che ho fatto...in bocca la lupo!!!!:-)

      Elimina
    2. Grazie! e crepiiii! in bocca al lupo anche a te!:-*

      Elimina
  3. Sei una ragazza forte, in gamba e piena di voglia di fare: sono certa che le occasioni arriveranno e che saprai coglierle al meglio! :) Forza e coraggio, ce la possiamo fare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara...come dicevo venere mi ha riallineato...mi sento già più forte...;-)

      Elimina
  4. lo so che tutto questo è demoralizzante ... ma non perdere mai e poi mai la speranza, il meglio deve ancora venire :) lo dice anche il Liga :)
    smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dopo un pò, oltre a demoralizzare diventa noioso...sempre la stessa solfa...ma sappiamo che il meglio deve ancora venire e arriverà, ne sono certa...;-)

      Elimina
  5. Non sai quanto ti capisco... penso sia una situazione comune a tanti, me compresa.
    Il problema è che ho paura che anche l'estero "vicino" non sia più una soluzione, o si prende una decisione drastica e si cerca fuori dall'Europa o si resta qui, armandosi di TANTA pazienza!
    In ogni caso, già il fatto di avere tanti rapporti di amicizia così profondi è un ottimo punto di partenza ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, a volte mi perdo a fantasticare di poter prendere un bel aereo e andarmene dall'altra parte dell'oceano...amorcito mi seguirebbe probabilmente...ma intanto sono qui e mi devo, ci dobbiamo armare davvero di pazienza come dici tu...solo che a volte salta e vorresti avere un bazooka in mano e fare un macello...divento anche violenta, pensa te...cmq si meno male gli amici, meno male l'amore! Se in questa vita qualcosa vale, sono questi rapporti qua...

      Elimina
  6. carissima, anche io ho la male sorte di essermi laureata in lingue, con un master in interpretariato di conferenza con le lingue "sbagliate" (tra cui lo Spagnolo).
    E anche vivendo e lavorando all'estero le prospettive che mi sono state offerte sono precarie e lontanissime da quello che avrei voluto fare.
    Rifiuti come quelli che hai ricevuto continueranno ad accumularsi, ma tu non demordere. Mai.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le tue parole cara...precario è il mondo dice Daniele Silvestri...ma non dobbiamo demordere, no no...in qualche modo si farà...:-)

      Elimina
  7. Cara Fragola, la nostra generazione purtroppo è davvero la più sfigata...
    Io, con una laurea in scienze dei beni culturali, non sono messa tanto meglio. Colloqui su colloqui e lavori che non hanno a che vedere con ciò che so fare. Nei momenti più neri, uno si chiede perchè cavolo ha faticato tanto per avere quel pezzo di carta, se tanto la prospettiva di lavoro ormai è assolutamente identica per tutti. Da qualche parte ho letto che forse saranno i nostri figli a vedere i frutti della ripresa economica...e noi? O ci amareggiamo, o cerchiamo lati positivi anche in quel poco che il presente offre, come fai tu. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amareggiarsi a volte è inevitabile...fanno di tutto per farti perdere il controllo...ma dobbiamo continuare a cercare lati positivi...a volte nei giorni migliori penso che in fondo questo periodo della mia vita ha un suo senso, mi starà portando da qualche parte...prima o poi scoprirò dove...

      Elimina
  8. Non mi parlare di ricerca del lavoro... a quanto pare a 30 anni sei troppo vecchia per fare qualsiasi cosa :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che merde...scusate il francesismo...tu pensa che la tipa di ravenna a me ha detto che invece sono giovane e quindi ho tempo...e ne ho 26 quasi 27 di anni..poi dopo a 30 ti dicono che sei vecchia...è una vergogna...loro invece a qualsiasi età possono andare lontano...precisamente a f*****o...e scusatemi di nuovo...certe cose mi toccano i nervi...

      Elimina
  9. ti capisco benissimo e capisco il tuo sconforto!! quello lì che ti ha fatto andare fino a ravenna sarebbe da prendere a testate!!!!

    Io son qui che lavoro praticamente gratis nella speranza di riuscire a portare a casa qualcosa prossimamente: c'è una vaga possibilità di un contrattino per l'anno nuovo, ma ci son tanti di quei "se" che la vedo dura.
    La veritàè che anche trovare uno stage è un'impresa: una volta ad un coloquio uno mi ha detto "signorinale faremo sapere perchè c'è la fila pure per lavorare gratis!".

    Speriamo solo che sta dannata crisi passi e che arrivi anche il nostro momento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissà se arriverà il nostro momento...è proprio un'impresa, dici bene...teniamo incrociate le dita, non demordiamo e andiamo avanti...in bocca al lupo per questo contrattino e che i se si trasformino in certezze!! :-)

      Elimina
  10. Non arrenderti, non mi sento di dirti altro se non un grande in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  11. sono veramente amareggiata che una ragazza:
    1) istruita, con una laurea che si è sudata;
    2) sveglia e piena di interessi
    come sei tu non riesca a trovare uno sbocco, non dico in Italia, ma nemmeno all'estero.
    un mio amico forse ha fatto quella cosa che dicevi tu, insegna arte e lingua italiana in Spagna. fa conferenze, come "free lance". ovviamente anche lui è uno che si è sempre tirato matto per mille cose: si è laureato mentre lavorava (mille lavori tra la grafica e il facchinaggio mobili), suonava, prendeva diplomi di lingue e computer.
    e anche se ORA gli va bene, il 31 luglio gli scade tutto... nuovo giro, nuove emozioni :-(
    purtroppo o per fortuna, la nostra generazione è chiamata ad inventarsi nuove strade. ti auguro di scoprire la tua... quella che ti fa felice, che ti dà un po' di serenità, ma che, soprattutto, si lascia percorrere.
    te l'hanno già detto e lo ripeto: non mollare!!!
    con affetto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema cara Auryn che quasi nessuno se ne frega qualcosa se ti sei sudata o meno la tua laurea o se hai mille interessi...anche perché i miei sono quasi tutti facenti parte della categoria meno proficua sul mercato del lavoro...ma non voglio fare analisi così alla buona su ciò che vuole e non vuole il mercato...tutti dovremmo trovare la nostra strada...mi sono anche dimenticata di raccontarvi della professoressa che non si è fatta sentire per un mese e così non ho potuto fare l'esame di integrazione crediti per accedere al tfa...ma i posti del tfa sono cmq così risicati che comunque chissà come sarebbe andata...senza contare che se passi il tfa costa oltre 2000 euro...uno dei miei sogni da ragazzina era fare la prof...anche quella strada mi viene ostacolata di continuo...ma prima o poi arriverà uno sbocco...non mollo....grazie per le tue parole...:-)

      Elimina
  12. Come ti capisco... solo porte in faccia!Ormai è un'impresa pure ottenere uno stage dove lavori gratis...e non si vede la luce!Speriamo che "i pianeti si allineino" e che a questo periodo segua una congiuntura favorevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto proprio così....che poi a chi lauree come la mia non che facciano a botte a pagarti...quasi sempre sono tirocini per la gloria...spero tanto si allineino presto sti pianeti...noi siamo qui ad attendere...:-)

      Elimina
  13. Ora siamo in un momento troppo brutto.
    Ma tutte queste esperienze non saranno inutili.
    E sicuramente i bei momenti arriveranno.
    Vedo che sei in gamba, non arrenderti!
    Ma quella azienda di Ravenna è troppo irresponsabile...

    RispondiElimina
  14. Ne sono sicura, presto raccoglierai i frutti di ciò che hai seminato....purtroppo al giorno d'oggi non è facile inserirsi, ma sii ottimista....ti abbraccio!

    RispondiElimina
  15. Eh, purtroppo capisco benissimo... sono più o meno nella stessa situazione, quante porte in faccia sbattute, e quante illusioni...

    Però dobbiamo farci forza, su. :)

    Io non ci ho pensato ad andare a vedere Venere, magari avrebbe aiutato anche me...

    RispondiElimina
  16. Ti capisco perfettamente e l'unico consiglio che ti posso dare è di non arrenderti mai, ma insistere, cercare, arrabbiarti e demoralizzarti, ma sempre senza abbandonare la ricerca. Ti assicuro che qualcosa arriverà anche senza una spinta. Te lo dice una trentenne che si è fatta da sola, che è manager ma prende uno stipendio più basso rispetto a tutti i suoi colleghi maschi (ed è davvero uno stipendio da fame!), che è diventata mamma a dispetto di tutto e tutti. Non farti distruggere i tuoi sogni da questo mondo egoista e pieno di contraddizioni. Tu vali e devi esserne orgogliosa, non sarà facile, ma quando arriverai dove meriti potrai farti un applauso e dirti CI SONO RIUSCITA! Forza cara!!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. Ho appena letto quello che hai scritto, e non ho altro da dire se non che sono pienamente d'accordo con te..siamo in un paese che funziona al contrario, pieno di possibilità che nessuno ha voglia di sfruttare, nessuno che voglia mettersi in gioco, : ti contattattano, ti danno false speranze e poi ti dicono di No per motivi che, se ti avessero spiegato prima, non avresti sprecato tempo x loro.
    SE ti rispondono..
    A me è capitato che mi rispondessero e mi offrissero stage GRATIS..ora, io capisco tutto, ma sono laureta e tutto, se volessi fare la volontaria mi iscriverei all'Avis e donerei il sangue in giro x il mondo.
    Troppe persone che pensano che faresti di tutto pur di lavorare x loro, anche lavorare come un mulo senza una ricompensa, se non la gloria.
    Speriamo che il mondo cambi in fretta!!
    E NON mollare mai!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo stage gratuito è all'ordine del giorno e ti dirò che non lo escluderei a priori...ma che questo paese fosse uno schifo lo avevamo compreso da un pò...l'importante, come dici tu, è non mollare...:-)

      Elimina
  18. Non so che dire, a parte che ti capisco perfettamente! Hai tutte le ragioni del modo per essere arrabbiata. Io ho perso il conto dei pianti fatti, credo di aver prosciugato i miei dotti lacrimali. Anche perché più ci si guarda attorno e più ci si rende conto che è un panorama desolante, dove solo che ha conoscenze va avanti. E' triste dirlo, ma sempre più credo sia così. Ma, mi raccomando, Non MOLLARE MAI! Non abbatterti e non permettere a questi esimi fenomeni di svuotarti della tua voglia di fare! Un grandissimo in bocca al lupo per tutto!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  19. io non ho capito cosa centra che ti sei laureata a giugno di UN ANNO FA, con il tirocinio da fare ORA???

    mi dispiace tanto, ad ogni modo mi unisco al coro: NON MOLLARE :**

    RispondiElimina