Una Fragola al mese – Ottobre 2012

by - 19:44

 

Hola! Anche ottobre è terminato e siamo giunti al consueto riepilogo mensile. Che ha combinato la vostra Fragola? Andiamo a vedere….

Il Libri di Ottobre

Ottobre ormai è influenzato dalla festa del Great Pumpkin, citando un po’ i Peanuts, ovvero Halloween. Così, per immergermi ben bene in questa atmosfera da “paura” le letture di questo mese sono state alquanto singolari e diverse da ciò che leggo di solito:

- Paddy Clarke ah ah ah! di Roddy Doyle. Si tratta di un libro iniziato a fine settembre ma che ho ripreso solo dopo la vacanza a Parigi. Mi aspettavo meglio da come mi hanno sempre parlato di questo scrittore. All’inizio era, mi spiace dirlo, noioso e piuttosto lento, anche perché non c’è una vera storia da seguire quanto piuttosto si tratta di una sorta di diario mentale dei ricordi di infanzia del protagonista, sconnessi e spesso intrecciati tra loro, in un continuum temporale quanto mai ingarbugliato. Poi però subentra l’affetto per Paddy, il fratello Simbad e i loro amici e le ultime pagine scorrono fino alla fine. Ma vorrei leggere qualcos’altro di questo autore perché qui, lo ammetto, non mi ha convinto del tutto…

- Nessun Dove, di N. Gaiman. Bello, una sorpresa. Ve ne ho parlato nella Recensione del mese.

- Dracula di B. Stoker. Qui parliamo di un capolavoro, non a caso l’ultimo grande romanzo gotico. Stoker riesce a ricreare delle atmosfere davvero spaventose e terrorizzanti attraverso allusioni, giochi di luci e ombre, bisbigli trasportati nel vento, visioni al chiaro di luna che portano la mente umana a ricreare i propri stessi mostri. in un fiume di parole allusive e suggestionanti, è facile poi per il lettore sobbalzare al minimo colpo di scena. I personaggi sono molto canonici ma proprio per questo perfetti per l’occasione: le donne giuste, buone e intelligenti, gli uomini eroici e coraggiosi e il vecchio Professore Van Helsing è un mirabile savio che ci guida attraverso l’oscurità che permea questa orrenda avventura, ricordandoci sempre l’importanza di avere una mente aperta. E poi c’è lui, il Conte Dracula, un personaggio straordinario che non ci appare mai direttamente ma solo attraverso le parole degli altri protagonisti ed eppure riesce a far sentire la sua presenza in ogni riga o parola del romanzo. A volte la narrazione appare prolissa, ma è solo per creare quell’effetto di suspense che serve a prepararci a cosa verrà dopo. Leggendo questo romanzo si avverte sempre un pizzicorino lungo il collo e leggerlo di sera significa spesso portarsi a letto pensieri inquieti, ma a fine lettura tutte le sensazioni provate si sommano per regalare al lettore la consapevolezza di aver letto un romanzo degno della sua fama, che dura da oltre un secolo, e di aver goduto di ore di lettura sempre con il fiato sospeso e un brivido lungo la schiena che però si ricorderanno come tra le più piacevoli. Dracula è il vampiro come da sempre lo conosciamo e niente  nessuno potrà spodestarlo. Consigliato!

- Fuga nelle tenebre di A. Schnitzler. Un gioiellino. Conoscevo lo scrittore per aver già letto Doppio Sogno (ne fu tratto Eyes Wide Shut di Kubrik) e La signorina Else ed è stato un piacere ritrovarsi. In poche parole è la storia di un uomo normale che, ossessionato dal pericolo di divenire pazzo, impazzisce davvero. Detta così, sembra poca cosa, ma Schnitzler si dimostra un maestro nel sondare la mente umana e le sue contorte elucubrazioni. Sicuramente influenzato da periodo in cui vive, un periodo di mancate certezze e scontro con una nuova realtà (siamo nei primi decenni del XX secolo) e dagli studi sulla psiche condotti in quegli anni da Freud e altri scienziati e filosofi dell’epoca, Schnitzler trasmette le inquietudini e le ricerche di quegli anni in racconti che appaiono spesso cupi, soffocanti ma che riescono a portare alla luce paure, timori, i pensieri più reconditi della mente umana, i momenti in cui la nostra mente viaggia libera per creare quei mostri di cui poi essa stessa proverà orrore. Leggere Schnitzler è come calarsi in un lungo sogno, in cui contorni non sono mai ben definiti, in cui realtà e immaginazione si interscambiano con facilità, creando quel disorientamento tipico dell’uomo moderno, che a volte sfocia in tragici epiloghi. Lo scrittore austriaco di certo estremizza, ma a fine lettura resta la sensazione che abbia voluto dirci qualcosa su di noi e sulla realtà che percepiamo…Straordinario.

- Il caso di Charles Dexer Ward di H.P. Lovecraft. Primo incontro con questo autore. Non conosco la sua produzione e quindi non so se questo romanzo sia tra le sue opere migliori. So solo che l’ho terminato in due giorni, che ho provato davvero il terrore che lo scrittore voleva provocare e che di sicuro considero questo romanzo breve una gran bella lettura. All’inizio si tende a perdersi, la trama e macchinosa ed estremamente intrecciata, con dei balzi nel passato ricostruiti tramite racconti, dicerie e diari deliranti di personaggi secondari, ma poi pian piano la tensione sale, i misteri si fanno più cupi e inquietanti e la storia procede veloce, lineare, in un turbinio di orrori e colpi di scena. Il caos di Charles Ward è quello di un giovane divenuto folle in seguito alle sue ricerche su un suo oscuro antenato, certo Joseph Curwen sospettato di negromanzia, e rinchiuso in un manicomio prima che commetta tragiche azioni. Ma Ward scappa e l’unico a sapere la verità su quello che realmente è accaduto è il suo dottore che lo segue dall’infanzia, Mr Willett, il quale è il vero protagonista del romanzo. Nel corso del racconto, Willett, infatti, sarà colui a cui fin da subito viene affidato il giovane Charles per riportarlo alla sanità e allontanarlo dalle sue ossessioni verso l’antico e l’occulto. Willett è l’unico dotato di una mente aperta (alla stregua di Van Helsing in Dracula e in effetti nel romanzo non mancano riferimenti alla tradizione gotica, Stoker incluso) e, come lui stesso afferma, un pizzico di fantasia, che gli permettono di sondare le profondità dell’incubo in cui Ward è caduto, affrontare gli orrori che nasconde e arrivare alla soluzione del terrificante mistero che avvolge Charles e il suo antenato. Una storia che davvero vi lascerà con il fiato sospeso fino all’ultimo. Ideale per una notte all’insegna del brivido…

Tot libri letti: 34/50

Tot pagine: 10845/15000

Acquisti & co. DSC05627Agli inizi del mese ho fatto un giro a Portici di Carta, manifestazione appendice del Salone del libro che si tiene qui a Torino e prevede la partecipazioni di librerie locali e case editrici. Ovviamente non potevo tornare a casa a mani vuote. Mi sono fermata allo stand del Libraccio e ho trovato delle splendide occasioni a ottimi prezzi: Il petalo cremisi e il bianco di M. Faber e La regina dei castelli di carta, l’ultimo capitolo della Millenium Trilogy di S. Larsson che mi mancava. Intanto il 16 ottobre è uscita la seconda (sebbene sia il terzo libro) e ultima parte di 1Q84 di Murakami e approfittando di uno sconto del 25% su tutti gli Einaudi l’ho acquistato, anche perché lo avrei comprato comunque dato che sapete bene Murakami è uno dei miei scrittori preferiti e la prima parte l’avevo amata. insieme ho acquistato Fuga nelle tenebre di A. Schnitzler che ho già letto. I non iniziati mi seppelliranno…

 

La velleità femminile del mese.

Questo mese è successo un po’ di tutto. Anche se a dir la verità, da borsettara quale sono, la cosa che mi ha più fatto piacere è stato l’arrivo di una delle borse della Capsule collection Carpisa by Custo, in vendita dal 18 ottobre.

 

 

 

Custo Barcelona è un marchio che adoravo quando ero in Spagna e non passava giornata sulla Gran Via di Madrid che non passassi davanti alla vetrina del loro negozio. Quando ho saputo della linea in arrivo e consapevole che avevo bisogno di una nuova borsa, la decisione di averne una è stato un attimo. Amorcito mi ha preceduto e me ne ha regalato una, il modello a mio parere più bello (quello indossato dalla modella Laura Sanchez qui accanto).

Me felice! Sorriso

 

Faccio cose, vedo gente…

DSC05631Lo scorso fine settimana sono venuti in visita a Torino una coppia di cari amici. Complice la compagnia, io e amorcito siamo finalmente, e con vergognoso ritardo, andati a vedere la mostra “Fare gli Italiani 1861 – 2011” esposta alle Officine Grandi Riparazioni. La mostra si presenta come un grande percorso multimediale che dal Risorgimento sale lungo la linea del tempo fino ai giorni nostri. Vi sono filmati, ricostruzioni storiche, reperti, rappresentazioni musicali e recitate, foto, contributi artisti e creativi, schermi interattivi e raccolte cinematografiche e televisive. Durante la visione della mostra si può toccare, vedere, ascoltare e, naturalmente, pensare.

 

DSC05697Una mostra che ti coinvolge e non annoia proprio per questa sua dinamica ampiamente partecipativa che aiuta il visitatore a calarsi nelle varie epoche e fasi di quel percorso che ha fatto l’Italia e noi italiani e a divenire egli stesso il protagonista.

foto (6)Mi sono piaciuti tanto lo spazio dedicato alla scuola, il teatro delle città ai tempi del risorgimento, lo spazio dedicato alle mafie, quello dedicato alla partecipazione politica con uno straordinario video dalle mille sfumature e fonte di molte riflessioni, il divertente spazio sull’età dei consumi e della Tv e mi ha molto colpito il significativo monumento alle migrazioni (perché tale mi è sembrato), di ieri come di oggi, perché non bisogna dimenticare mai chi eravamo per capire chi siamo…

Nonostante il freddo glaciale che ho provato all’interno degli enormi locali delle officine (dai due o tre buchi chiudeteli) sono uscita dalla mostra soddisfatta. DSC05670Certo, per quanto riguarda il Risorgimento e la nascita dello Stato Italiano, forse si sarebbe potuto parlare di più degli aspetti più cupi e problematici, come il brigantaggio o le reclusioni di carbonari e rivoluzionari e il dover piegare la testa e accettare in un silenzio amaro il nuovo Stato nato per una convergenza di favorevoli azioni politiche internazionali e lontano ormai dalle idee rivoluzionarie di Mazzini Garibaldi e molti altri patrioti (a tal proposito vi consiglio la visione del film Noi credevamo di cui vi ho parlato in un post tempo fa). Ma il viaggio proposto dalla mostra Fare gli Italiani è sicuramente attendibile e dettagliato, preciso e attento a cogliere le sfumature.

Un’esperienza che consiglio a chiunque si trovi a Torino di passaggio o non, da non perdere, soprattutto in epoche come questa, quando essere italiani a volte fa sorgere pensieri tristi e amari…

 

La turista per caso.

Di Parigi vi avevo già parlato appena tornata. Qui alcuni appunti di viaggio:

  • IMG_4531Cose da non perdere a Parigi: sicuramente la Saint Chapelle, che si trova sulla Ile de la Cité, a pochi passi da Notre Dame. Spesso viene snobbata per vedere ben altre opere e costruzioni, in primis la cattedrale gotica, ma dopo Notre Dame se ne si ha la possibilità, consiglio vivamente di visitare questa straordinaria cappella del XII sec, che ha delle vetrate straordinarie, testimonianze splendide della grande arte vetraria di quell’epoca. Ne rimarrete ammaliati.
  • Cose da non perdere a Parigi 2: bere un tè alla menta alla Moschea. La Moschea si trova un po’ fuorimano e di sicuro fuori dalle rotte canoniche dei turisti, ma se si vuole uscire un po’ dagli schemi è il luogo ideale dove rilassarsi. IMG_4790Il bar della Moschea, antistante il ristorante arabo che si trova sempre al suo interno, è un posto delizioso. Il suo piccolo cortile, le sale interne e la terrazza sono permeate da una atmosfera sospesa nel tempo, fuori dal caos della grande città, dove si può conversare nella pace e nell’armonia regalata dal cinguettio degli uccellini che vi abitano, veri e propri padroni di casa. E credetemi quando lo dico, dato che questi simpatici pennuti non hanno alcuna paura degli uomini e svolazzano dentro e fuori dal locale, appoggiandosi su tavoli e sedie, facendo compagnia ai clienti intenti a bere il loro tè. Un posto del genere ti riconcilia con l’universo…
  • Se volete comunicare con il mondo esterno, vi consiglio di lasciar perdere l’inglese solito veicolare da viaggio e imparare lo spagnolo. A quanto pare i parigini se devono imparare una lingua straniera preferiscono di gran lunga quella dei loro vicini oltre i Pirenei. Sono riuscita a da avere più indicazioni io alla frase “Hablo español” che non amorcito con il suo “I speak english”! Occhiolino
  • Cosa da non perdere a Parigi 3: L’Orangerie dove si trovano le famose Ninfee di Monet. Meraviglia…
  • Arrivate alla Basilica del Sacro Cuore di pomeriggio inoltrato: IMG_4614avrete al possibilità di assistere a uno straordinario tramonto che abbraccia tutta la città. E fermatevi a guardare gli artisti di strada: sono bravissimi!
  • Montmartre è un quartiere che va visitato piedi. Arrivate con la metro al Moulin Rouge e poi percorrete le sue pittoresche strade fino alla Basilica, su in alto, a sovrastare la città. Ci vuole qualche sforzo in più anziché prendere la funicolare fino a su, ma la soddisfazione è delle più grandi e la passeggiata vi scalderà il cuore
  • Non dimenticate di visitare i cimiteri monumentali: quello di Montmartre e Pere Lachaise sono ottime passeggiate, davvero poco lugubri nonostante quello che si immagina sui cimiteri, in compagnia di Degas, Zola, Proust, Wilde e molti altri…
  • Cercate un bistro buono e non affollato di turisti? La Marine sul Canale Saint Martin. Cibo ottimo, atmosfera accogliente e intima e personale gentilissimo e disponibile…e chi se lo dimentica…IMG_4756
  • Se avete poco tempo e volete visitare più musei possibili, andate al mattino presto al Louvre, così troverete poca fila e sarete in breve tra le grandi opere dell’epoca moderna. E nel pomeriggio avrete molto tempo a disposizione per andare al Centre Pompidou, dato che questo chiude alle 22!IMG_4832
  • Se riuscite, andate alla Tour Eiffel di sera. E arrivate fino in cima!

 

 

 

 

 

  • Lasciatevi trasportare dal fascino dei suoi viali, dalla bellezza dei suoi edifici e monumenti, dalla magia delle sue luci…
IMG_4887

 

Tv, tv e ancora tv.

Mesi fa mi giungeva una notizia che mi rendeva triste, almeno un po’: Alessandro Borghese lascia Real Time e passa a Sky. Terrore e Tragedia. Poi ho visto che davano la nuova serie di Cortesie per gli ospiti e In cucina con Ale e mi sono tranquillizzata. Ma si tratta del canto del cigno. Infatti a quanto pare il passaggio è già avvenuto e su Sky è partito il programma Ale contro tutti, in onda ora anche su cielo.

Il programma è in fondo simpatico. Una qualsiasi famiglia italiana sfida Ale nella ricetta che sa fare meglio. Alla fine il piatto preparato dai concorrenti e quello di Ale sono giudicati da un trio di abbonati sky e infine viene proclamato il vincitore. Ale è sempre una forza della natura e la sfida è piacevole da guardare. Tuttavia lo preferivo nelle vesti di criticone culinario in Cortesie.

Spero che a Sky gli diano lo spazio che merita, ma che tristezza pensare a una nuova edizione di Cortesie orfana di Ale, del già fu Ruspoli e con solo ChiaraIldesignL’hoinventatoIo a tenere alta la bandiera del mitico trio…

Intanto è ricominciato su Rai3 Volo in diretta con il caro Fabione Volo. Che vi devo dire, io seguo Fabio da quando faceva le Iene anni or sono, non riesco a stargli troppo lontana. Il programma come idea è il classico programma di Fabio: cazzeggio, qualche personaggio intervistato che viene per simpatia, e altro cazzeggio. Sono lontani i fasti di Italo-Spagnolo che vedevo qualche anno fa e sognavo di essere con lui in quel di Barcelona, ma nonostante gli alti e bassi del programma, Volo in diretta è una piacevole chiusura di serata prima di andare a dormire. La sigla, in compagnia di Across the universe e dei post-it attaccati un po’ ovunque nel mondo, è poi la migliore ninna nanna che si possa desiderare

 

La musica che mi frulla in testa

Da qualche settimana mi segue questa canzone. L’avevo sentita di sfuggita su Mtv in compagnia di sorella – teenager e mi aveva colpito. Scopro essere il brano di un cantante nuovo, bolognese, di nome Andrea Nardinocchi. Si intitola Un posto per me e sia il testo che le sonorità insolite e decisamente contemporanee (anche se a tratti ricorda Mengoni) mi hanno conquistatobravo

 

E per questo mese è tutto gente. Non resta che augurarvi di trascorrere un buon novembre!

You May Also Like

37 commenti

  1. 34/50 libri? in che senso? ti sei prefissata di leggerne 50 in un anno? :)


    p.s. oggi ti pensavo e ''invidiavo'', a Torino si festeggiava il world vegan day e volevo tanto esserciiii :( ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, se osservi a lato ho anche il conteggio su goodreads...in realtà però sarebbero 35 solo che uno goodreads non me lo conta perché non è nel loro elenco, mentre su anobii si...quindi ne ho letti 35 in realtà...è una sfida che faccio ogni anno, quella di leggere almeno 50 libri in un anno, anche se finora sono arrivata a un massimo di 45...:-)

      non sapevo del giorno vegano! :-)

      Elimina
  2. Ai francesi stiamo un po' sulle scatole e non amano parlare in inglese. Per me un problema.

    Un abbraccione e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, non è vero, con noi sono stati tutti gentilissimi! :-)

      Elimina
  3. non ci credo!!!! io ho lavorato per quella mostra fino a poco tempo fa!!!

    RispondiElimina
  4. Che bellezza Parigi! Quando ne sento parlare mi viene sempre voglia di tornarci! Si respira arte in ogni angolo.. e dove non c'è profumo d'arte c'è profumo di baguette! Di Parigi infatti ciò che mi ha maggiormente rapito il cuore oltre a il Museo D'Orsay (che ho visitato ben 2 volte in 5 gg), sono le Petite Dejeuner :D
    Anche a me Alessandro Borghese rimane molto simpatico! Non sono una gran cuoca ma mi piace guardarlo mentre prepara i suoi piatti!!

    RispondiElimina
  5. quelle borse mi ispirano molto... che bella la tua!

    a forza di sentirla su mtv ora ce l'ho anche io in testa Un posto per me

    RispondiElimina
  6. Alle "Officine grandi riparazioni" ci sono stata lo scorso anno. Carino, ma non mi ha fatto impazzire. Era bella la parte con le innovazioni tecnologiche, riciclaggio ed energia verde (c'è ancora?)
    Anche a "Portici di carta" sono stata lo scorso anno ma non mi aveva colpita molto per cui non ho avuto voglia di tornare a To solo per quello. Ma manco da più di un mese ormai, devo tornare! Ora che è passato il periodo dell'inizio scuola ci sta una gita al Libraccio ^_^
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parte dell'energia verde non c'era sinceramente...io l'ho trovata comunque una mostra piacevole e con parecchi spunti di riflessione...difficile parlare di questo paese ma lo hanno fatto sena farla sembrare una baracconata...
      Neanche a me è sembrato gran cosa Portici di carta, ma trovandomi qui ed essendo un weekend non mi è costato nulla...e poi mi sono portata a casa dei libri, cosa volere di più...

      Elimina
    2. la parte dell'energia verde era un'altra mostra, Stazione Futuro, che diversamente da Fare gli Italiani ha chiuso definitvamente a novembre...

      Elimina
    3. Grazie Audrey per l'info! Stavo dubitando sulla mia memoria...:-D

      Elimina
  7. Ho anche aggiunto una foto da streghetta ;)

    Intenso questo ottobre eh? La cosa più bella secondo me è Parigi, è proprio una città da vedere altrimenti non se ne può proprio discutere!! La borsa è splendida, Custo Barcellona è una marca che ho imparato ad apprezzare. Spratutto come alternativa alla Desigual che costa un sacco!!

    Allora buon Novembre!! :)

    RispondiElimina
  8. Mi stupisco sempre di quanto tu legga, una volta ero anch'io così, poi mi sono un po' persa :(
    Non sapevo che anche Carpisa si fosse data alle grandi firme, buono a sapersi, ecco l'ennesima scusa per prendere una borsa nuova! ^_^
    Detto ciò, Fabio Volo <3 <3

    RispondiElimina
  9. Libri a parte (come sai vorrei leggere tutti i libri che consigli tu!), sono rimasta impressionata dalle cose che riesci a fare: mostre, viaggi, fiere... Ti invidio davvero tanto ;-)
    Spero di riuscire ad utilizzare presto la tua mini-guida per esplorare Parigi, mi ispira soprattutto il tè nella moschea.
    Devo fare presto un corso accelerato di GoodReads, la prima volta non ci ho capito nulla e ho abbandonato, ma vedo che lo usate tutti, devo recuperare!
    Ti auguro un Novembre ricco di letture interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per goodreads chiedi pure se hai bisogno! Io ho iniziato a usarlo parecchio solo negli ultimi mesi, quindi ti capisco....-)

      Elimina
  10. Mi hai fatto troppo venire voglia di tornare a Parigi. La moschea mi incuriosisce molto!
    Ma dici che Cortesie per gli ospiti continueranno a farlo? Senza Roberto e senza Ale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti a mio parere non avrebbe più senso quel programma senza chi lo conduceva originariamente...passi l'assenza di uno, ma poi di ben due, mi pare troppo!

      Elimina
  11. Dei libri che hai citato, stavolta voto Dracula di Bram Stoker! Bellissimo!
    Invece proprio in questi giorni mi chiedevo perché per anni nella mia città è rimasto aperto un negozio di Carpisa a vendere francamente roba bruttina, e poi ha chiuso giusto qualche mese fa in modo che da noi non si trovi la roba che hanno fatto in collaborazione con Custo. L'ingiustizia mi pare evidente!

    RispondiElimina
  12. Anche a me piacciono moltissimo le borse della seria Carpisa by Custo, soprattutto quelle che hanno come fantasia le casette!! ^^
    Spero anch'io di prendermene una presto, perchè come te ho bisogno di una borsa nuova. :)
    Però preferisco quelle che si possono portare a spalla, le trovo più comode.

    Non posso credere che pian piano Ale si stia spostando su Sky..io non ce l'ho! Ho solo il digitale terrestre!! :'(((
    Preferisco di gran lunga "In cucina con Ale" però, perchè vederlo ai fornelli è davvero un piacere per gli occhi!! *.*

    RispondiElimina
  13. ma che bello leggerti! Ventata di freschezza e tanti interessantissimi spunti dai viaggi ai libri, sto pensando di pormi anche io una sfida riguardo i libri da leggere, ho abbastanza tempo per poterci pensare, che bello che bello passare di qua :) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello leggere il tuo commento! ^^

      Elimina
  14. Sarà stata bellissima fare un giro a Portici di Carta... Beata te!
    Poi bellissimi i ricordi di Parigi! Vorrei tornarci un giorno...

    RispondiElimina
  15. Ciao Strawberry,
    Dracula l'ho letto alcuni anni fa, straordinario a dir poco. Leggi quando prima i racconti, non ti deluderanno vedrai. In più "tu felice", "Io invidiosa" prima di tutto per la borsa, anch'io l'adorooooo! E poi di la verità: ti serviva una nuova borsa? A noi donne serve sempre una borsa quando ci innamoriamo di un nuovo modello!!!
    Secondo motivo per il "colpo d'invidia" è tutto quello che fai! Ma sei una super donna! Mostre, libri, tv, cinema, viaggi! O dovrò trasferirmi per seguirti a ruota o devi assolutamente dirmi il segreto! E poi il Libraccio ... Il Libraccio con i suoi sconti ... basta, ho rosicato troppo!
    In più volevo dirti che Volo, anche se lo seguo a sprazzi, non mi convince molto, a volte diventa noioso, "stonato", mi aspettavo di più ... Bacini :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la scusa più vecchia del mondo quella della nuova borsa, mi hai sgamato! ahahah!

      Midnight in Paris certo che l'ho visto...e me ne sono innamorata! :-D

      Segreti pochi, ma nel weekend coinvolgo sempre amorcito in qualcosa altrimenti mi sembra di non aver fatto nulla! ;-)

      Elimina
    2. Siamo donne :) anch'io utilizzo la stessa scusa anche se mio marito non ci casca più :)
      Sai che anch'io se non combino qualcosa durante il fine settimana mi sento una vagabonda? Sarà un virus che colpisce le appassionate di letteratura?
      Midnight in Paris mi ha fatto venire voglia di passeggiare lungo le strade di Parigi, sotto la pioggia (naturalmente con scatole di aspirine in tasca, pronte all'uso!!!)

      Elimina
  16. Scusai se ritorno ma hai visto "Mezzanotte a Parigi"? leggendo il tuo post con i vari consigli la mente mi è volata al film suddetto, ci sono scorci della città splendidi :)

    RispondiElimina
  17. Ciao , sono approdata nel tuo blog grazie all'iniziativa di Rosa "fatti conoscere" mi piace molto il tuo stile e ti seguiro con piacere, sono già tua follower !
    un bacio a presto
    Elly

    RispondiElimina
  18. ma quante cose riesci a fare in un mese? sono già invidiosa ;)
    se passi da me c'è una piccolissima sorpresa http://360io.blogspot.it/2012/11/blog-award-i-ricordi.html

    RispondiElimina
  19. beh ma come fai a febbraio, quando di giorni in un mese ce ne sono, se va bene, 29?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh beh in quel caso l'impresa si fa più difficile...ma qualcosa spunta sempre fuori...:-D

      Elimina
  20. personalmente, a parigi da non perdere le petit pain au chocolate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahh! in effetti meritano una colazione ne la Ville Lumiere...:-D

      Elimina
  21. Anche io ci stavo facendo un pensierino sulla nuova collezione Carpisa, ma sinceramente non l'ho ancora guardata attentamente.. Però penso che provvederò presto! ;)

    RispondiElimina
  22. Paddy Clarke ah ah ah!, ricordo, non è piaciuto tanto neanche a me.
    Concordo su Dracula, anzi, mi hai fatto venire volgia di rileggerlo!!!! :)
    Di Lovecraft io ho letto due romanzi brevi e non mi sono piaciuti per niente, li ho trovati noiosissimi e neanche un po' spaventosi! Se mai avessi voglia di dargli una terza possibilità proverò con questo che hai letto tu! :)

    RispondiElimina
  23. Belle le borse di Carpisa! Anch'io sono una borsettara :D è una mania alla quale non so rinunciare mi piacciono troppo! Per non parlare di Parigi, mi piacerebbe tantissimo andarci! Concordo che sei molto attiva, riesci davvero a fare un sacco di cose! E poi ti dirò il tuo blog è molto frizzante mi piace un sacco, è vero che è una ventata di aria fresca! Un bacione ^-^

    RispondiElimina