8 commenti
  1. Questo libro mi piace un sacco, sempre di più!

    Voglio sapere cos'è successo a Nora!

    RispondiElimina
  2. Interessante questo libro ;)
    Un bacio.
    Miky

    RispondiElimina
  3. Ciao bella,
    più vai avanti e più mi pento di non aver comprato il libro.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Anche a me il libro sta prendendo un sacco. Mi piace il tocco personale di come Bessy racconta le cose come quando descrivendo il "fidanzato" della mamma spiegava dei suoi approfonditi esperimenti scientifici... (come cercare di acchiappare le scoregge con le mani..). Mi fa troppo ridere! L'Arabella invece non la sopporto. Spero che Bessy gliela faccia pagare.

    RispondiElimina
  5. Secondo me Arabella ha capito tutto e vuole fargliela pagare!! Vedremo come andrà a finire!!!

    RispondiElimina
  6. Finito ieri sera. Arabella continua a non convincermi. E neanche padron James...
    Non diventa sempre più difficile staccarsi, vero?
    Riflettevo sulla capacità della Harris di riprendere i modi di parlare e scrivere dell'epoca vittoriana... non deve essere facile e in effetti lei ha deciso di dare voce a una cameriera, una parlata molto più colloquiale e facile da ricalcare, ma indubbio è l'impegno e calarsi in quelle atmosfere è molto facile...

    RispondiElimina
  7. Concordo con gli altri commenti, finalmente questo libro sta diventando coinvolgente e misterioso al punto giusto. Ora inizio anche ad apprezzare lo stile colloquiale e diretto con cui Bessie ci parla, mentre prima mi sembrava un po' forzato e volgare.
    L'inquietudine che aleggia in queste pagine popolate di presenze inquientati è stemperata dal tono scanzonato e sarcastico di Bessie, in un equilibrio davvero azzeccato tra tensione ed ironia. Mi inizia a piacere davvero!

    RispondiElimina