13 commenti
  1. Ohibò è un pò che non ci si sente :) Abbiamo avuto tutti molto da fare mi sa! Ordunque fammi pensare, in realtà non mi lascia molto ammaliare dalla copertina, o meglio magari mi colpisce, ma se poi leggendo il quarto di pagine la storia non mi attrae lo rimetto lì dove l'ho pescato. Però sicuramente i libri che leggevo nel periodo adolescenziale, la collana "Le ragazzine" erano molto belli e colorati :)

    RispondiElimina
  2. Donc, non credo di aver mai comprato un libro perchè attratta solo dalla copertina, deve piacermi anche l'accenno di trama, ma è innegabile che se una copertina mi piace sono anche più ben disposta verso la trama.
    Fatta questa premessa, l'ultima copertina che mi ha attratta e che mi ha 'regalato' uno splendido libro è stata quella di 'Utente anonimo' di Viet Etzold. Thriller affascinante e inquietante. E con un cattivo come dico io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si beh, la quarta la leggo sempre prima di comprare un libro ma anche la quarta non c'è poi così tanto da fidarsi, potrei fare un super elenco di delusioni da quarta... :)

      Elimina
  3. A me succede spesso di essere attirata dalla copertina, per fortuna non ho quasi mai avuto delusioni letterarie! :)

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    ma hai cambiato il look al blog, bello!!!
    Io sono una che si lascia prendere tanto dai colori e dalle immagini, quindi mi capita spesso di comprare libri perché amo la copertina, anche se leggo comunque qualche pagina ;)
    baci

    RispondiElimina
  5. Io mi lascio attrarre dalla copertina quasi sempre, quando sono in libreria senza mete precise. Però leggo anche la quarta di copertina (che a volte trovo esageratamente lunga e troppo dettagliata!), e il più delle volte rimane una bella immagine a cui non fa seguito l'acquisto! Una bellissima copertina recente è quella di "Quattro etti d'amore, grazie" della Gamberale (ah, perchè, vogliamo parlare dei titoli da 10 e lode?!).

    Sì, esatto studio proprio russo (e spagnolo e inglese), Le notti bianche le ho già lette :) e apprezzate!
    Comunque hai proprio ragione, in 3 anni di università quasi tutto quel che so su Dostoevskij e Tolstoj lo so per interessamento personale, non li ho quasi mai portati come programma d'esame, anzi! Giusto quest'anno Memorie del sottosuolo (che ansia...). Da una parte sono grata a questo fatto, perchè ho scoperto autori che mai avrei considerato senza l'università, dall'altra parte però è vergognoso che io non sappia spiegare NULLA di Tolstoj.

    Non è proprio una lettura leggera (lo è forse per lo scarno numero di pagine), ma ti consiglio Erri de Luca, mi piacerebbe saperne cosa ne pensi. Leggo il tuo blog da un pò e seguo le tue letture su Twitter, sono curiosa!

    Grazie per essere passata da me :)
    Serena

    RispondiElimina
  6. Io mi sono lasciata tentare dalla copertina più volte e non sempre con grande successo.

    Un bacio cara

    RispondiElimina
  7. I libri aww, tutto un mondo diverso e.. mio.. adoro il mondo che si crea, le sensazioni tutto.. non penso.. ecco la cosa più bella del mondo.

    RispondiElimina
  8. anche io mi sento colpita dalla copertina di questo libro

    RispondiElimina
  9. Sembra molto interessante... anche la copertina è bellissima.

    RispondiElimina
  10. Tutti i tuoi consigli, io li comprerei tutti ma sono lentissima ultimamente, che piu' lenta non si può.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  11. Ciao,
    mi piace leggerti, ti ho linkata,
    Francesca.

    RispondiElimina
  12. Ci sono il fascino di mondo lontano, il profumo delle mele cotogne e il rosso di una vita.
    Ho letto questo libro e mi è piaciuto molto. Credo che sia il bello dell'autrice.

    RispondiElimina