9 commenti
  1. Non so quando, ma lo leggerò. Quella torta che delizia sarà?!?

    RispondiElimina
  2. Beh,sono pienamente d'accordo anch'io
    con la tesi della mamma di Rose,
    un piatto racconta molto di noi,
    la scelta degli ingredienti, il modo in cui è cucinato
    ed ancor di più presentato e poi l'anima....
    guai se mancasse...
    complimenti,proprio bella la tua nuova rubrica!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  3. Condivido il pensiero alla base del romanzo: quando prepariamo qualcosa ci mettiamo noi stessi, magari fantasticando su chi mangerà quel cibo e su cosa proviamo per quella persona! Quanto alla torta sembra buona, anche se io ho un rapporto di amore- odio con le torte al limone! Però in effetti la copertura è troppo. Toglierei lo zucchero a velo e ridurrei mascarpone e cioccolato!

    RispondiElimina
  4. Questo post mi provoca due tipi di acquolina, una letteraria e l'altra che ve lo dico a fare.
    Un grande bacione :)

    RispondiElimina
  5. mmmmmm mi piace questa rubrica!!! :D
    A quel libro faccio il filo da un bel po'. In attesa di prenderlo, potrei provare a fare una di queste torte, ho bisogno di fare danni in cucina1

    RispondiElimina
  6. Ma che bel libro...
    E che blog stupendo che hai! Mi sono persa tra queste pagine :)
    Felicissima di seguirti!

    A presto,
    Lyla

    RispondiElimina
  7. Ah questo è il libro che tutte le volte decido lo prendo e poi ci ripenso -_-
    Al prossimo giro dritta verso la cassa senza voltarmi ahahahah

    RispondiElimina
  8. Io questa nuovissima rubrica già la straamo, sappilo! :)

    RispondiElimina