16 commenti
  1. Mi dispiace. Capita, ma non è la regola.... Certo che hai resistito bene. ;)

    RispondiElimina
  2. Cara Starwberry, che esperienza terribile, mi dispiace molto che tu sia finita in una famiglia di simili cafoni...
    Che gli inglesi siano piuttosto incivili nella loro intimità, me lo ha detto anche mia sorella, che ha fatto delle vacanze studio in famiglia: sono sporchi, piuttosto scortesi e vivono di cibi precotti. O almeno, questo è successo a lei due volte su due. Poi, ovvio, mica tutti saranno così...
    L'unica cosa che posso dirti è: non prenderla come una sconfitta. Perchè non lo è. E' un'esperienza che ti ha arricchito, anche se è durata poco. Qualunque cosa ti insegni qualcosa, vale la pena di essere fatta, nel bene e nel male.
    Poi, con dei simili trogloditi, come potevi rsistere di più? Hai fatto bene a mollarli. Perchè ok fare degli sforzi e dei sacrifici per i propri obbiettivi. Ma non ci si dovrebbe mai umiliare, o sentirsi umiliati sul lavoro.
    Ti faccio un grosso in bocca al lupo

    RispondiElimina
  3. Cara strawberry, che peccato! eh, a dire il vero un pochetto sei stata sfortunata, ma se ti può essere di consolazione io a suo tempo capitai in casa di un pastore, e oltre tutte le "incombenze" mi toccava pure sorbirmi le preghiere e i sermoni e i giudizi sul fatto che convivevo a 24 anni senza essere sposata..è stato allucinante, ma a differenza tua io quelle piccole pesti le ho sfruttate all'inverosimile per parlare più che potevo in inglese e quando finivo le mie cose, non c'erano storie, uscivo anche se la casa cadeva a pezzi, devi assolutamente riprovarci e mettere subito in chiaro che tu vai lì non per fare la colf ma per migliorare il tuo inglese, non so come hai trovato questo job, ma io personalmente ti consiglierei di rivolgerti ad agenzie specializzate che selezionano le famiglie con una certa cura; non fanno miracoli, ma almeno si assicurano che siano persone per bene, pulite e se le cose non vanno l'agenzia si impegna a trovarti una nuova sistemazione; non ti scoraggiare e lascia che questa esperienza di sia d'aiuto per il futuro!

    RispondiElimina
  4. Mi dispiace tanto, deve essere stato un incubo. Purtroppo alcune persone sono assolutmente prive di rispetto per gli altri, ma secondo me hai fatto benissimo a tornare a casa. Permettimi una domanda: eri andata attraverso un'agenzia? Io non ne so molto di queste cose ma ho sentito di persone che si sono trovate bene tramite agenzia, penso che in quel caso si sia più "protetti" da esperienze orribili come la tua. Hai mai provato?
    Un abbraccio fortissimo!

    RispondiElimina
  5. secondo me sei stata solo sfortunata. non ho mai fatto la ragazza alla pari, però sono stata "ospitata" molto spesso da famiglie e nessuno mi ha mai trattato in questo modo. cmq non farti spaventare da una brutta avventura. la prossima volta andrà meglio! :*

    RispondiElimina
  6. dai, coraggio, hai avuto solo sfortuna! un piccione che ti ha seguito a londra! ;)

    anzi, hai resistito anche troppo! hai tutta la mia solidarietà!

    RispondiElimina
  7. Mi dispiace per la tua esperienza affatto piacevole! Purtroppo può capitare... io sarei scappata subito!!!
    E' stata cmq un'esperienza, prendila così!
    Buon week end. Laura.

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti per le belle parole...si sono stata sfortunata...ma non può piovere per sempre e i piccioni forse la prossima volta potrebbero perdere la strada e smettere di inseguirmi, no? ;-)

    RispondiElimina
  9. Posso dirti la sincera verità?
    Io 20 giorni così non li avrei passati nemmeno a pagamento. Sei stata molto forte!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Noo, povera Fragola!! Davvero, quoto Sadira, sei stata eroica a sopportare per 20 giorni!! Ma tu hai fatto tutto da sola? Intendo trovare una famiglia, ecc..? Perchè io so che esistono agenzie specializzate nelle quali forse paghi qualcosa di iscrizione, ma rendi sempre conto a loro, generalmente ti mandano in famiglie selezionate e se qualcosa non va ne rispondono loro che come minimo devono cambiarti sistemazione. Io non mollerei, fossi in te, e riproverei... dopotutto se sei stata così coraggiosa da resistere tutto quel tempo, ormai resisterai a tutto!! ^_^ Coraggio, non ti abbattere!!

    RispondiElimina
  11. Se può interessarti qui ho trovato un elenco di agenzie: http://bancadati.informagiovanipiemonte.it/schede-orientative/schede/1571/lavoro-alla-pari-allestero

    In effetti paghi una quota (vedo che più o meno oscillano tra i 200 e i 300 euro), ma secondo me ne vale assolutamente la pena! Per lo meno sei sicura che quei 300euro che hai speso ti hanno permesso davvero di imparare!

    RispondiElimina
  12. Grazie Simo!! In effetti non demordo...un modo per tornare lo trovo..io avevo usato un sito web che mi è stato consigliato da diverse persone mie amiche che si sono trovate benissimo...capirai che appena si tratta di me...ma vabeh...andiamo avanti e siamo pronte per la prossima avventura...:-)

    RispondiElimina
  13. Ah, guarda, consolati: io sono la legge di Murphy fatta persona, quindi se c'è qualcosa che può andare male, stai sicura che a me capita. Se ci fossimo andate insieme saremmo finite in un campo nomadi!! ^_^

    RispondiElimina
  14. Mi associo a Sadira: complimenti per la resistenza... e per non essere finita sul giornale come serial killer di una odiosa famiglia inglese!!!

    RispondiElimina
  15. che brutta esperienza!!!
    eri andata per studiare, non per fare la colf!!!!
    assurde certe situazioni!!!
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  16. che brutta esperienza!!! io non l'ho mai fatta la ragazza alla pari,sono stata 15 gg in una famiglia e ovviamente anch'io sfigata quale sono ho beccato la famiglia più antipatica!!! dopo l'università vorrei andare in inghilterra ma sicuramente visto la mia fortuna non sceglierò una famiglia. E' vero gli inglesi non sono famosi per la loro pulizia e per la loro cucina...quindi su queste cose bisogna sacrificarsi,ma trattarti da schiava nooo!avrei mollato dopo la prima settimana! però dagli altri sento sempre cose positiva...non si sa mai...la ruota gira prima o poi!

    RispondiElimina