Ma la musica dov’è? Track 8: Lo scrutatore non votante - Samuele Bersani

by - 18:10

 

Post ad hoc per l’occasione. Se non avete vissuto in una gigantesca bolla, saprete benissimo che siamo alla vigilia delle elezioni politiche. Qui solitamente non parlo di politica, una scelta editoriale che forse qualcuno potrebbe considerare troppo facile e per chi non vuole complicarsi la vita. Io semplicemente non voglio rubare il lavoro a chi parla di politica per professione e sa farlo meglio di me. Chi mi segue, però, sa che le mie opinioni solitamente le espongo senza problemi o per lo meno le faccio intendere al lettore attento.

E in questo momento storico, in questa confusione e degenerazione politica che pare essere diventata lo standard del nostro Paese, io vi invito ad andare a votare. Non conosco le vostre idee a riguardo, ma sinceramente credo che qualsiasi cosa si pensi, non andare a votare non è la soluzione. Un mancato adempimento di un dovere, forse. Il mancato rispetto di noi come cittadini e dei nostri diritti, soprattutto. Perché se si ha voglia di cambiare davvero, non è ignorando il nostro ruolo che diamo il nostro contributo. Non è calciando via quello che spetta di diritto che si afferma la propria opinione.

In questi giorni mi torna in mente la canzone Lo scrutatore non votante di Samuele Bersani. E così ve la propongo.

Con i miei auguri per delle buone elezioni.Votate e fatelo con la testa.

Lo scrutatore non votante
è indifferente alla politica
Ci tiene assai a dire “ohissa!”
Ma poi non scende dalla macchina
È come un ateo praticante
Seduto in chiesa alla domenica
Si mette apposta un po’ in disparte
Per dissentire dalla predica
Lo scrutatore non votante
È solo un titolo o un immagine
Per cui sarebbe interessante
Verificarlo in un indagine
Intervistate quel cantante
Che non ascolta mai la musica
Oltre alla sua in ogni istante
Sentiamo come si giustifica
Lo scrutatore non votante
È come un sasso che non rotola
Tiene le mani nelle tasche
E i pugni stretti quando nevica
Prepara un viaggio ma non parte
Pulisce casa ma non ospita
Conosce i nomi delle piante
Che taglia con la sega elettrica
Lo scrutatore non votante
Conserva intatta la sua etica
E dalle droghe si rinfresca
Con una bibita analcolica
Ha collegato la stampante
Ma non spedisce mai una lettera
Si è comperato un mangia-carte
Per sbarazzarsi della verità
Lo scrutatore non votante
È sempre stato un uomo fragile
Poteva essere farfalla
Ed è rimasto una crisalide
Telefonate al cartomante
Che non contatta neanche l'aldiquà
Siccome è calvo usa il turbante
E quando è freddo anche la coppola
Lo scrutatore non votante
Con un sapone che non scivola
Si fa la doccia 10 volte
E ha le formiche sulla tavola
Prepara un viaggio ma non parte
Pulisce casa ma non ospita
Conosce i nomi delle piante
Che taglia con la sega elettrica
Lo Fa svenire un po' di sangue
Ma poi è per la sedia elettrica.

You May Also Like

21 commenti

  1. giuro,giuro,l'altro giorno pensavo esattamente a questa canzone...
    ps:d'accordissimo con te

    RispondiElimina
  2. Questa canzone ci sta proprio bene!
    Buon voto!

    RispondiElimina
  3. approvo in pieno... pensiero e canzone!

    RispondiElimina
  4. Bellissima canzone che s'intona col mood di queste giornate.
    Che vinca il migliore (per noi italiani!)

    RispondiElimina
  5. Voterò quello che credo sia il meno peggio e penso possa rappresentarmi di più. Ma comunque voterò. La penso come te, stare a casa non è la soluzione, spero che lo capiscano anche gli altri!

    RispondiElimina
  6. concordo pienamente con te,io sono ai seggi,spero che la gente venga a votare nonostante il maltempo visto che qui la neve ci sta sommergendo e dovrebbe continuare fino a lunedì
    p.s.a parte questo il paesaggio è incantevole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo so! ieri ero sul treno e il panoramara era meraviglioso!
      buon lavoro al seggio!

      Elimina
    2. grazie!dopo anni da scrutatrice questo giro son passata a segretaria,spero di non fare troppi paciughi,ho già l'ansia da compilazione verbale!

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Purtroppo non credo che queste elezioni cambieranno/miglioreranno le cose nel nostro paese, ma sono d'accordo con te, non andare a votare non è sicuramente la soluzione!

    RispondiElimina
  9. Like it!!!

    Kisses

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. Penso in tanti abbbiamo pensato a questa canzone :-D

    RispondiElimina
  11. Questa canzone è bellissima e ha alcuni passaggi in cui è proprio geniale!
    mette nero su bianco la nostra realtà!

    RispondiElimina
  12. Andrò a votare sicuramente, è un mio diritto oltre che un mio dovere! :D

    RispondiElimina
  13. Da quando ho 18 anni sono sempre andata a votare.

    Buona domenica! Bacio

    RispondiElimina
  14. Ciao, oggi ho trovato su molti post (sul mio FB personale) la condivisione di questa canzone. Credevo che quest'anno più che mai la gente andasse a votare (e sicuramente sono ancora in tempo e lo faranno, spero), ma sono rimasta un po' basita quando, aprendo il sito del giornale locale on line, ho scoperto che la percentuale di votanti, aggiornata a questa mattina, è bassissima, più bassa del 2008!

    Probabilmente non significa nulla, ieri è caduta un sacco di neve, è possibile che questa mattina molti, come ho fatto io, siano rimasti sotto le coperte... però spero davvero che la gente capisca l'importanza di esprimere il proprio pensiero in queste elezioni. E' sempre importante, ma quest'anno, secondo me, di più! Sperando che i risultati non siamo lo specchio di quell'Italia "idiota" della quale siamo tanto bravi a dare esempio, sperando che gli italiani abbiano un po' di cervello e che questa volta lo usino... perchè io un po' ci credo, forse abbiamo preso una svista, siamo scivolati in basso, ma se un fazzoletto di terra come il nostro ha avuto l'importanza che sappiamo nella storia e fa comunque parte delle "potenze mondiali", qualcosa di buono dovremo pur averlo, no? E allora cerchiamo di togliere la polvere e di tirate fuori il bello splendente degli italiani.

    Sarò un'illusa, ma mi piace pensare così!

    RispondiElimina
  15. questa canzone è proprio in tema con la giornata ;-)

    RispondiElimina
  16. D'accordissimo. Votare è un diritto al quale non bisogna rinunciare. Io personalmente l'ho sempre considerato pure un dovere. Non è certo rinunciando ai nostri diritti che cambieremo il nostro futuro.

    RispondiElimina
  17. Bersani (Samuele) è fantastico, e questa canzone è geniale!

    RispondiElimina
  18. Anch'io non ho potuto fare a meno di pensare a questa canzone in questi ultimi giorni, soprattutto considerando quanto, purtroppo, il tuo appello sia stato poco ascoltato: tra le varie notizie ascoltate qua e là m'è parso anche di capire che l'affluenza alle urne è stata la più bassa da quando esiste la Repubblica! Devo dire che questo mi ha rattristato non poco!

    RispondiElimina
  19. Bella questa canzone e Samuele Bersani è sempre stato bravo a fotografare la realtà italiana con le sue canzoni!

    ;-)

    RispondiElimina