9 commenti
  1. Per quanto riguarda i racconti brevi consiglio Musica per organi caldi di Bukowski;
    per i racconti di media lunghezza Stagioni diverse di King.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Non mi confronto spesso con i racconti però non mi dispiacciono affatto! Hai ragione quando dici che leggendole c'è bisogno quasi di un 'impegno' in più..però che bello tuffarsi in tutti quei mondi diversi! :)
    Benni poi, mi piace tantissimo! L'ho conosciuto proprio grazie ad una raccolta di racconti 'La grammatica di Dio' e da allora non me ne sono più separata! Devo ammettere però che 'Il bar sotto il mare mi manca'...rimedierò sicuramente prima o poi!:)

    RispondiElimina
  3. Non compro libri di racconti. Forse perché all'università me ne hanno fatti leggere troppi e adesso ne ho il rifiuto.

    Baci

    RispondiElimina
  4. Sto cominciando ad apprezzarli solo ora, prima li evitavo accuratamente perché in poche righe non mi ci ritrovavo. Però devo escludere il colpo di fulmine avuto con I racconti di Pietroburgo di Gogol.
    Come già saprai, consiglio Sofia si veste sempre di nero e Una cosa piccola che sta per esplodere, entrambi di Cognetti.

    RispondiElimina
  5. A me i racconti non piacciono molto, però ricordo che quando al liceo mi fecero leggere il bar sotto il mare mi ero innamorata di benni.

    RispondiElimina
  6. Se penso a dei racconti non può che venirmi in mente le divertenti avventure di Marcovaldo.

    RispondiElimina
  7. Anche io avrei consigliato "Stagioni diverse" di Stephen King, come Mikimoz... allora, per dare un altro suggerimento, "Il grande mondo laggiù" di Ray Bradbury. Certo, se piacciono le atmosfere che crea l'autore!

    RispondiElimina
  8. "Felici i felici" di Yasmina Reza è magnifico, da leggere!

    RispondiElimina
  9. quattro:
    I 49 racconti e i racconti di Nick Adams di Ernest Hemingway, maneggiare con cura di Lansdale e Winesburg, Ohioi di Sherwood Anderson

    RispondiElimina