9 commenti
  1. A legger questo post prima di colazione mi è venuta una fame!
    Io il burro salato lo trovo da esselunga, ma spesso uso tranquillamente il burro normale. Questo per le tartine "invernali" in estate uso principalmente anch'io il formaggio spalmabile :)
    I cetrioli non li ho mai usati, ma adesso li voglio provare!
    Concordo, "l'importanza di chiamarsi Ernesto" rientra nelle letture più divertenti che uno possa fare! Lettura che dovrei rifare, lo lessi alle superiori come parte del programma di letteratura inglese e ormai è passato molto tempo dai tempi della scuola. Molto carino anche il film di Oliver Parker!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco l'esselunga, lo sapevo, ma era troppo lontano dovevo arrivarci con il bus, una storia infinita...
      Provalo con i cetrioli, sono buonissimi! E rileggi Wilde! ;-)

      Elimina
  2. Con questa ricetta mi hai fatto venire voglia di andare in Inghilterra (beh in effetti non ci vuole molto per farmi venire voglia di andarci). L'importanza di chiamarsi Ernesto l'avevo letto per la prima volta alle superiori grazie al mio prof. di inglese che ce l'aveva fatto leggere in lingua originale. Ed è uno di quei libri che ogni tanto rileggo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'avrò letto così tante volte che alcuni passi li so a memoria! :-D

      Elimina
  3. MI è venuta fame e voglia di leggere il libro! :) Il burro salato a dire il vero non saprei dove trovarlo, nel supermercato dove vado di solito non mi è mai capitato di vederlo!

    RispondiElimina
  4. Cara mia, ho un debolissimo per Oscar Wilde, L'importanza di chiamarsi Ernesto e il personaggio di Algernon in particolare...uno dei miei sogni è farlo a teatro, nel senso di interpretare proprio lui...e magari un giorno accadrà, chi può dirlo...

    Le prime volte che ci siamo incontrare col club letterario avevo preparato i sandwich al cetriolo, ma non sono riuscita a trovare il burro salato nemmeno io (ne ho trovato uno "leggermente salato"). La seconda variante mi ispira moltissimo, la proporrò al prossimo incontro ;)

    RispondiElimina
  5. Ci sono tante ingredienti che mi piacciano! Bella questa rubrica.

    RispondiElimina
  6. Ciao, sempre complimenti per il tuo blog. Finalmente sono tornata nel mondo dei blogger. http://randomgazette.wordpress.com/

    A presto spero!

    RispondiElimina
  7. Peccato che i cetrioli proprio non mi piacciono, se non li proverei subito, anche solo per prendere (virtualmente) un tè col caro Algy! :)

    RispondiElimina