Fragola al cinema: The Hateful Eight

by - 22:44



Sul mio profilo Facebook ho dichiarato di essermi addormentata a un certo punto durante la visione di The Hateful Eight, il nuovo attesissimo film di Quentin Tarantino, e ho creduto bastasse a dare un’idea di ciò che pensavo del film. Come tutte le volte in cui agisco d’istinto, però, il giorno dopo mi sono ritrovata a ricredermi e a considerare assolutamente insufficienti 20 minuti di dormiveglia in un cinema pienissimo e con una settimana di lavoro faticosa alla spalle per giudicare l’ultimo lavoro di uno dei registi che amo di più. E allora proviamo a ragionarci su e a capire cosa ci è piaciuto e cosa no di The Hateful Eight.






Titolo: The Hateful Eight
Regia: Quentin Tarantino
Anno: 2015
Paese: USA
Cast: Kurt Russell, Samuel L. Jackson,
Tim Roth, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Michael Madsen






La storia per farla breve è quella del cacciatore di taglie John Ruth (Kurt Russell) e della bandita Daisy Domergue (Jennifer Jason Leigh), in viaggio verso Red Rock dove Ruth si aspetta di poter intascare una taglia di 10.000 dollari per la consegna di Daisy. Lungo la strada incontrano due uomini: il maggiore Marquis Warren (Samuel L. Jackson), ex soldato dell’Unione ormai anche lui famoso cacciatore di taglie, e Chris Mannix (Walton Goggins), soldato rinnegato del sud che sostiene di essere diretto a Red Rock per essere nominato sceriffo della città. I quattro, in compagnia del cocchiere O.B., giungono alla Locanda di Minnie per ripararsi da una terribile tempesta di neve, ma nella locanda non troveranno la proprietaria bensì quattro sconosciuti che sembrano nascondere qualcosa, innescando immediatamente rivalità e scontri sempre più violenti che porteranno a galla, infine, tutta la verità sui personaggi coinvolti.



La prima parola che mi viene in mente pensando a The Hateful Eight è “staticità”, non necessariamente con un’accezione negativa. Il nuovo film di Tarantino dura tre ore che scorrono lente, molto lente, in due luoghi precisi: l’interno della diligenza che sta portando Ruth e soci verso Red Rock e, successivamente, la locanda di Minnie dove si concentra quasi tutta l’azione. L’intera situazione ricorda un po’ un libro di Agatha Christie, il delitto che avviene in una stanza chiusa e il mistero circoscritto tra un numero molto ristretto di personaggi, e con una tale struttura le dinamiche non fanno che privilegiare un dialogo dal flusso continuo e quasi interrotto, durante il quale i personaggi si presentano, mostrano i legami e le relazioni che li accompagnano, svelano inganni e mettono in evidenza incongruenze e ambiguità. Quasi tutte le prime due ore del film scorrono così e non mi vergogno ad ammettere che è proprio a questo punto che mi sono addormentata. Gli spiegoni non entusiasmano nessuno e per un Samuel L. Jackson in splendida forma (come sempre quando diretto da Quentin), che riesce a strappare qualche risata più di una volta, ci sono una serie di attori bravissimi (si vedano Russel e Tim Roth) ma che non arrivano mai a toccare l’apice. Il risultato è una lunga serie di dialoghi, frammentati qui e là da qualche pistolettata e altri gesti di violenza gratuita e deliberata –  nonché scene volutamente forti come quella della fellatio che Warren racconta al vecchio colonello prima che i due passino alle pistole –  che perdono di mordente di minuto in minuto e che finiscono per non essere più un aiuto allo spettatore per comprendere le dinamiche tra i personaggi e i retroscena delle loro storie, ma un focolare d’ansia verso quello che si spera prima o poi succeda e sul quale ci sono grandi aspettative. E poi infine accade. E dal giallo si passa all’horror più splatter.



La parte più elettrizzante di The Hateful Eight è un accavallarsi di scene sanguinolente, un spirale di violenza davanti alla quale si rimane inorriditi eppure piacevolmente meravigliati, dove non ci sono vincitori e vinti, ma dove ognuno è al contempo cacciatore e preda, in uno scontro senza alcuna regola se non quella di far fuori l’altro prima che l’altro faccia fuori te, dal quale non si salverà nessuno. Tutto quello che si vedrà da questo momento in poi godrà di un estetica quasi teatrale e volutamente fumettosa, dove niente è lasciato al caso (una cura nella realizzazione che ancora una volta dimostra l’animo da appassionato di Tarantino prima ancora di quello da regista) e dove la gioca da padrone una fotografia eccellente,  morbida e fluida, perfetta nell’inquadratura e nella focalizzazione, con tocchi di puro lirismo in diversi momenti della pellicola. Da amante del cinema qual è, Tarantino torna al western dopo Django Unchained e ne ribalta nuovamente gli stilemi, aggiungendo ciò che per lui è il cinema, quello che ama e che trova imprescindibile in un film (le battute memorabili, i personaggi istrionici, l’estetica voluttuosamente fine a se stessa). Infine, decide di sfruttare il contesto tipico del genere e le sue connotazioni storiche e sociali per inserire un discorso più ampio che parla alla situazione attuale. Mai i discorsi sulla Guerra di Secessione americana sono apparsi così interessanti come in questa occasione, soprattutto quando ci si accorge che la violenza di cui si parla non è più quella di una guerra civile avvenuta due secoli fa, ma quella che gli Stati Uniti vivono ancora oggi. Non è un caso che The Hateful Eight sia considerato il film più politico del regista.



Insomma, ci sono tutti gli elementi per parlare di un film ottimo e per spingervi ad accorrere al cinema a vederlo. E non mi sognerei mai di invitarvi a fare il contrario. Andate e godetevi l’esperienza cinema che Tarantino vuole regalarvi, ne vale sempre la pena e, ragazzi, stiamo comunque parlando di Quentin.

Eppure.

Con The Hateful Eight torna prepotente l’idea che Quentin Tarantino sia finito in quel circolo vizioso chiamato autoreferenzialità. La cura messa nella realizzazione del film regala una bellezza artificiosa e ripetitiva, tutto sembra ridursi a uno splendido e divertente esercizio di stile, bellissimo da guardare e di sicuro di grande impatto, ma che non regala più niente di nuovo allo spettatore. Un certo gusto per se stessi e il riciclare stili e registri appaiono dunque evidenti e, sebbene tutto ciò regali all’intera pellicola un equilibrio e una grazia impeccabili, l’impressione finale è quella di ritrovarsi di fronte a qualcosa di già visto e di cui forse non sentivano nemmeno più la necessità. L’effetto straniamento è allora dietro l’angolo: The Hateful Eight è un film talmente incentrato sulla sua estetica, scrittura e regia da non lasciare allo spettatore alcuna possibilità di calarsi al suo interno. O, semplicemente, di emozionarsi.

Avevo intuito già tutto proprio in quei 20 minuti di sonno? Chi lo sa. Ma questo non mi impedisce di invitarvi ad armarvi di pazienza (3 ore sono comunque tante), fare magari un pisolino prima e poi correre al cinema. The Hateful Eight è un film che può divertire come disturbare, stimolare oppure indignare, ma che di sicuro non vi lascerà  indifferenti.




You May Also Like

5 commenti

  1. Tarantino è il mio regista preferito di tutti i tempi, ma pure a me questo suo ultimo film ha fatto venire gli stessi dubbi.
    E' un lavoro che trasuda un grande amore per il cinema, però questa volta è come se Quentin parlasse solo a se stesso e non al pubblico. Una pellicola meno comunicativa e pop rispetto al suo solito. Purtroppo.
    Io non vedo l'ora che il buon Quentin abbandoni il vecchio West e torni possibilmente al presente.

    RispondiElimina
  2. Io devo ancora vederlo (ieri ho preferito Joy, aspettando Mercoledì per dedicarmi a Tarantino). Che dire, anche alcuni amici mi hanno confessato di non averlo particolarmente amato. Che Tarantino stia iniziando a perder colpi? Ti dirò la mia dopo averlo visto :)

    RispondiElimina
  3. Devo ancora vederlo e mi conviene andare al cinema con una dose abbondante di ore di sonno alla spalle per evitare la narcolessia. Certo, 3 ore fanno un po' paura a prescindere.
    Vedremo...

    RispondiElimina
  4. Quando ho in mente di vedere un film, non leggo nulla se non proprio di sfuggita. Però mi sono soffermato su questa tua recensione e devo dire che il mio sesto senso funziona bene. Tre ore di film per me sono comunque una agonia, anche col film meglio costruito.

    RispondiElimina
  5. Bamboo fencing is a decorative and environmentally friendly alternative to chain link or wood. Bamboo Matting has several advantages as a fencing material. First it is a grass and not a wood, so it takes less time to grow and replenish the supply. In fact it only takes 5 to 7 years to grow a mature bamboo plant for harvesting whereas wood takes 50 to 100 years. The second advantage of using bamboo as your fencing material is that it is strong and durable. Finally Bamboo Torches looks great.

    Bamboo fencing can be used for several purposes. First you can use it to create a privacy fence that not only keeps people from seeing into your yard, but that also provides a secure perimeter of your property. Secondly you can use bamboo fence for a garden fence. Finally bamboo matts can also be used to build a Awesome Bamboo fence to decorate your garden or yard.

    Bamboo fencing can be found just about anywhere. Most home improvement stores will have bamboo fence suppliers, and they will carry most of the bamboo fence supplies that you will need to both set up your bamboo fence and maintain it properly. For example they will offer the bamboo fencing materials, bamboo gates, bamboo fence panels, stains, and even hardware for assembling your bamboo fencing.

    Like any other natural product, bamboo fencing will need to be treated to prevent decay and weathering. It is recommended that you apply a thin coat of UV resistant stain to your Bamboo Fencing and Bamboo Poles to protect the bamboo from the weathering effects of your climate. Also like any other natural product, bamboo will weather, dry out, and crack over time. The amount of weathering that your bamboo will experience will depend on the weather conditions in your area, and the amount of maintenance that you do.

    Also, Bamboo matting are created using the same strong, durable, beautiful bamboo that bamboo floors are made of but they are portable and come in a variety of sizes. These mats can be found in sizes small enough to use in doorways or large enough to use as area rugs. The size choice depends on the office the mat is being used in and how much bamboo is desired in the office.

    Bamboo Poles for Sale, a vital building tool that grows 10 times faster than trees, is an increasing popular choice of furniture in America's home.

    RispondiElimina