4 commenti
  1. Tarantino è il mio regista preferito di tutti i tempi, ma pure a me questo suo ultimo film ha fatto venire gli stessi dubbi.
    E' un lavoro che trasuda un grande amore per il cinema, però questa volta è come se Quentin parlasse solo a se stesso e non al pubblico. Una pellicola meno comunicativa e pop rispetto al suo solito. Purtroppo.
    Io non vedo l'ora che il buon Quentin abbandoni il vecchio West e torni possibilmente al presente.

    RispondiElimina
  2. Io devo ancora vederlo (ieri ho preferito Joy, aspettando Mercoledì per dedicarmi a Tarantino). Che dire, anche alcuni amici mi hanno confessato di non averlo particolarmente amato. Che Tarantino stia iniziando a perder colpi? Ti dirò la mia dopo averlo visto :)

    RispondiElimina
  3. Devo ancora vederlo e mi conviene andare al cinema con una dose abbondante di ore di sonno alla spalle per evitare la narcolessia. Certo, 3 ore fanno un po' paura a prescindere.
    Vedremo...

    RispondiElimina
  4. Quando ho in mente di vedere un film, non leggo nulla se non proprio di sfuggita. Però mi sono soffermato su questa tua recensione e devo dire che il mio sesto senso funziona bene. Tre ore di film per me sono comunque una agonia, anche col film meglio costruito.

    RispondiElimina