La Recensione del Mese – Marzo 2011

by - 01:28

La recensione del mese è dedicata a un libro che mi ha tenuto compagnia per quasi tutto marzo; un libro che attendevo di leggere da tempo, di uno degli autori che più amo e che, ancora una volta, non mi ha deluso. Parliamo di 1Q84 di Haruki Murakami.

 

 

 

Titolo: 1Q84

Autore: Haruki Murakami

Editore: Einaudi

Anno: 2011

Pagine: 724

 

 

 

Nel taxi la radio trasmetteva un programma di musica classica in Fm. Il brano era Sinfonietta di Janáček. Non esattamente la musica più adatta da sentire in un taxi bloccato nel traffico. E del resto nemmeno l’autista sembrava ascoltarla con troppa attenzione. L’uomo, di mezza età, era impegnato a guardare in silenzio la fila interminabile di auto che aveva davanti, come un pescatore provetto che, ritto a prua, scruta un minaccioso gorgo di correnti. Aomame, sprofondata nel sedile posteriore, gli occhi leggermente socchiusi, ascoltava la musica.
Quante persone ci saranno al mondo che, sentendo l’attacco della Sinfonietta di Janáček, possono dire con sicurezza che si tratta proprio della Sinfonietta di Janáček? La risposta potrebbe variare tra “pochissimi” e “quasi nessuno”. Eppure, per qualche ragione, Aomame era in grado di riconoscerla.

 

Quando ho terminato la lettura di 1Q84, molte sono state le domande che non hanno ricevuto risposta. E se un libro riesce a tenerti incollata alle sue pagine, conquistandoti a ogni capitolo sempre di più, nonostante tu abbia probabilmente capito solo la metà di quello che c’era da comprendere, e non ne sei neanche tanto sicura…beh, vuol dire che quello che hai davanti è un capolavoro.

Murakami ci racconta una storia di universi intersecati e legati tra loro. I protagonisti sono due trentenni, Aomame e Tengo, la prima una personal trainer che nel tempo libero è anche una killer professionista, il secondo un insegnante di matematica con velleità di scrittore che si ritrova suo malgrado a trasformarsi in ghostwriter. Due persone che sembrano appartenere a due mondi differenti, ma che in realtà hanno un legame indissolubile che li tiene uniti da vent’anni, nonostante non si siano mai più visti dopo il loro incontro alle elementari. Entrambi vivono nel 1984, o così pare. Quando Aomame scenderà le scale d’emergenza della tangenziale varcherà una soglia. Quella del 1Q84. Un anno dove i poliziotti hanno pistole più pesanti perché qualcosa di tragico è avvenuto, dove esistono il Leader di una setta, una ragazza in fuga, autrice di un libro divenuto un best seller, delle entità misteriose e inquietanti chiamate Little People e due lune in cielo…

La storia procede come se ogni capitolo aprisse una finestra. E scavalcando quella finestra per vedere cosa c’è oltre, se ne incontra un’altra. E un’altra. E un’altra ancora. In un turbinio di storie che si intrecciano tra loro perché fanno parte di un’unica grande storia. Quella del 1Q84.

Il titolo del libro è già di per sé un viaggio. La pronuncia di 1Q84 in giapponese è molto simile a quella di 1984 per via di un’assonanza tra la lettera Q e il numero 9. Ma quella Q è la chiave del romanzo. E’ il segno di un mondo in cui non ci sono più le certezze a cui siamo abituati, in cui non c’è più alcuna stabilità. Solo un vagare confuso alla ricerca di un senso e una domanda a cui dare una risposta…

Murakami ci delizia con la sua scrittura, qui portata al suo massimo grado, ancora una volta a metà tra il sogno e la realtà, tra il visionario e il concreto, in cui tutto è polisemico e non è mai davvero quello che appare.

Ritroviamo in 1Q84 il suo amore per la musica, con una colonna sonora ad accompagnarci nel viaggio che va dalla Sinfonietta di Janáček, passando per Bach, Schumann, a Sonny e Cher, i Beatles, fino al jazz (grande passione dello scrittore) di Armstrong, di Barney Bigard e del brano It’s only a Paper Moon, citato più volte nel romanzo.

I suoi protagonisti raccolgono il meglio dei personaggi murakaniani. Solitari e silenziosi, Aomame e Tengo vivono nel loro mondo fatto di cose semplici e chiare, senza curarsi di cosa succeda all’esterno, proseguendo sulla loro strada spinti solo da ciò che si cela nel profondo dei loro cuori. Quando, come sempre accade, il loro universo viene stravolto, dovranno trovare un nuovo modo per vivere e andare avanti e potranno farlo solo se riveleranno a se stessi ciò che le vite placide che conducono e il bozzolo di solitudine in cui sono racchiusi hanno impedito di accettare per tutto questo tempo. Il loro essere fuori dal mondo li aiuterà a sostenere le stranezze che occorreranno in questa avventura e senza indugi cercheranno di dare loro una spiegazione, reale o fantastica non importa, affrontandoli con una forza d’animo che non credevano di possedere. D’altronde ogni personaggio di Murakami sa, nel profondo, di non appartenere davvero a questo mondo ma di essere fatti, parafrasando Shakespeare, un pò della stessa materia dei sogni. E il personaggio enigmatico di Fukaeri, la diciasettenne autrice de La crisalide d’aria, nonché unica vera conoscitrice dei Little People, ne è forse l’emblema più autentico.

La prosa delicata ma efficace, fluida e ricca di echi e rimandi, di illusioni e verità assolute, mai urlata ma sussurrata, capare di disorientare ma anche di arrivare dritta al cuore di ogni cosa; i personaggi insoliti e affascinanti nel loro essere parte di un altro universo; un’ambientazione magica e una Tokyo quasi aliena; una storia al limite tra l’onirico e il reale…questi i punti di forza di un romanzo che, a ragione, il Giappone ha acclamato come il capolavoro dello scrittore. E non mi sento di dar loro torto.

Non è, probabilmente, il libro che consiglierei a chi non ha mai letto nulla di Murakami. Potrebbe portare confusione e non far apprezzare appieno le doti dello scrittore nipponico. Ma forse mi sbaglio. 1Q84 ha talmente tante porte di entrata, tanti accessi segreti, nascosti, visibili solo da coloro a cui essi sono destinati, da poter essere invece il libro giusto per cominciare. E magari finirete col perdervi nel mondo di Murakami. Non potrei augurarvi di meglio.

VOTO:

Trailer del libro:

 

Ti consiglio un tè: Il tè verde Matcha, un tè del Giapponere, tradizionale, usato per la famosa cerimonia del tè. La particolarità sta nel fatto che le foglie vengono cotte al vapore e triturate, riducendole in una polvere fine. Il matcha viene usato anche per dolci e gelati, e in quest’ultima modalità lo assaggiai per la prima volta. In onore di Tengo, che beve tè verde  nel mezzo della sua avventura, e di una cultura, quella giapponese, che suscita in me sempre un enorme fascino.

You May Also Like

19 commenti

  1. Questo libro mi ispira proprio!

    RispondiElimina
  2. Mi hai incuriosita ancora di più con questa recensione. Ho sentita vari pareri sui libri di Murakami, chi lo amava follemente e chi non poteva sentirlo nominare. Io non l'ho mai letto ma mi incuriosisce. Se non questo libro, quale sarebbe meglio per iniziare a leggere quest'autore? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io ti consiglierei di iniziare da Norwegian Wood, un libro che è un pò fuori dalla letteratura sua classica, ma che aiuta il lettore a entrare nel suo mondo come una linea guida...dopodiché leggi Dance Dance Dance, un passo obbligatorio per gli iniziati a Murakami! ;-)

      Elimina
  3. Non ho (ancora) mai letto Murakami, ma questa recensione mi fa capire che si tratta di un autore veramente geniale.

    Non ho a disposizione un Matcha, ma oggi pomeriggio in onore tuo e mi Murakami mi berrò un tè verde! :)

    P.S.
    Ma in italiano il titolo di questo libro come si pronuncia? "uno qui otto quattro"? "uno qu ottantaquatro"? "millecuvecentoottantaquattro"? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno Q otto quattro...almeno io lo pronuncio così...:-)

      Elimina
  4. Beata te che hai tempo per leggere... io ne ho sempre meno purtroppo.

    Un abbraccio cara e buona serata!

    RispondiElimina
  5. Hai detto bene, se un libro riesce a tenerti con gli occhi incollati è proprio un bel libro. Sono quei classici libri che quasi ti dispiace finire.
    Mi hai convinta credo proprio che lo leggerò :)

    RispondiElimina
  6. Passa dal mio blog, c'è un premio per te! :)

    RispondiElimina
  7. Sono contenta che ti sia piaciuto questo libro... purtroppo a me non è piaciuto...
    Ma ora sto aspettando la pubblicazione della terza parte, prima di decidere il mio parere...

    RispondiElimina
  8. Descritto da te mi viene voglia di leggerlo! sembra molto interessante! Brava :)



    www.rollolollo.com

    RispondiElimina
  9. Avvincente questo libro, dovrò proprio leggerlo, grazie del consiglio Strawberry!
    Era un po' che non passavo di qua, ho avuto delle giornate pesanti, ora torno a trovarti e trovo una nuova grafica, davvero davvero bella cara!

    RispondiElimina
  10. la tua recensione mi ha convinta a non lasciarmelo sfuggire ;-)

    RispondiElimina
  11. fragolina bella.. è da un pò che non ti vedo dalle mie parti.. mi abbandoni!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vedi dall'ultimo post, questa settimana non sono in sede e ho dei gran casini e il blog è in stand by...appena torno a casa, ritornerò da tutti voi

      Elimina
  12. complimenti ti seguo con piacere se ti va passa da me ciao e buona pasqua

    RispondiElimina
  13. Beautiful blog with so many inspiring ideas! Great work:) Would you like to follow each other?

    RispondiElimina
  14. Una serena Pasqua alla padrona di casa e a tutti i lettori

    RispondiElimina