Test letterario

by - 12:30

Qualche giorno fa passavo dal blog di Nice e vedo questo simpatico questionario. Memore dei mille meme e tag fatti in questa sede, ho pensato che un bel test sulla mia passione più grande, i libri, ci stava. Partiamo.

tumblr_lznz7gMgUm1qfxza7o1_500 (1)

1) Quale libro stai leggendo attualmente?

Al momento sto leggendo Sabato di I. Mc Ewan. Pensavo di farci la Recensione del Mese ma mi sa che quest’ultima salterà, non tanto perché non l’ho ancora finito ma perché ho fatto l’errore di decidere quale libro commentare prima di finirlo e ora non so cosa potrò scriverci su. Ma vedremo, ho ancora due giorni…

2) Perché l'hai scelto?

Perché Ian Mc Ewan è uno scrittore che mi piace. Ma che mi offre anche dei bei alti e bassi. Mi convinse con Lettera a Berlino, mi lasciò insoddisfatta con Chesil Beach, mi innamorai con Espiazione. E ora? Sono nel bel mezzo di questa riflessione e non ho ancora capito se il libro mi convince o meno…

3) Ti piace farti consigliare dagli amici?

Semmai sono io che consiglio agli amici, visto che tra tutti quelli che conosco sono io quella che legge di più. Tuttavia non sono mancati degli ottimi consigli che sono stati seguiti con immenso piacere. Se poi si parla degli amici della blogosfera, beh si ci sono stati tanti consigli e molte delle mie letture provengono dai loro suggerimenti.

4) Lo scaffale che visiti per primo in libreria?

Narrativa e nuove uscite, perché sapere cosa c’è sul mercato è curioso anche se non sempre soddisfacente.

5) Il tuo libro preferito?

Che domanda. Se lo chiedo, perfino voi lo sapete. Tutti in coro: Jane Eyre di C. Bronte! Ma quello a cui sono affezionata in modo particola è L’ombra del vento di Zafón, che mi ha fatto compagnia persino in tesi.

6) Quello più brutto?

I turbamenti del giovane Torless di R. Musill. Più che una lettura un supplizio…

7) L'ultimo libro che hai letto?

Nord e Sud di Elizabeth Gaskell, di cui vi parlo QUI.

8) Quello che aspetta sullo scaffale da anni?

“Da anni” mi pare eccessivo. Non faccio passare più di un anno dall’acquisto. Più o meno. E’ che li compro perché li voglio poi si accumulano e magari vengo presa da altre letture e loro continuano ad accumularsi…si lo so, sembro una matta. Ma amo circondarmi di libri perché so che li leggerò e poi li desidererò con me al sicuro. Ok, ora sono decisamente simile a quelle di Sepolti in casa. Ma non sono poi così tanti….comunque. Quello che aspetta di essere letto da più tempo credo sia un libro di Queneau, Tempi duri, Saint Glinglin! comprato allo stand del Libraccio al Salone del Libro del 2011. E credo che aspetterà ancora un bel pò…

9) Quello che rileggeresti?

Non amo rileggere. A parte Jane Eyre e la saga di Harry Potter. E con il freddo arrivato la voglia di immergermi nel magico mondo di HP sta diventando sempre più grande…ma ho troppi non iniziati, non posso farlo…

10) Quello che non hai compreso?

Non so. Forse quello che mi è parso meno penetrabile dalla mia poveramente limitata è stato La casa delle belle addormentate di Y. Kawabata. Ho apprezzato la sua scrittura e il suo stile nipponico da me tanto amato, elementi inconfondibili di una cultura e una tradizione letteraria, ma credo che mi sia sfuggito qualcosa. Diverse cose. E nonostante ciò, di questo tipo di letture ho sempre un ricordo piacevole…

11) Quello che hai lasciato a metà senza rimpianti?

Siddharta di H Hesse. Non me ne vogliate, ma non riuscivo a portarlo a termine. Così l’ho chiuso e sono andata a vanti. Ma quella di abbandonare i libri è un’azione che compio rarissime volte, non mi sembra giusto nonostante per Pennac faccia parte di uno dei diritti imprescindibili del lettore. Ma di solito preferisco andare in fondo alle cose, anche quelle un po’ amare…

12) Quello che hai lasciato a metà a malincuore?

Il cuore altrove di M. Kundera. E non per mia volontà. Ma perché come una stordita l’ho dimenticato in un’aula all’università Carlos III di Madrid il giorno prima dell’inizio delle vacanze di Natale. Quando sono tornata a gennaio era scomparso….triste…

13) Quello con il miglior finale?

Io non amo molto i finali. Di solito sono al di sotto del livello dell’intero romanzo, salvo, ovviamente, poche eccezioni. Uno di questi, forse, è proprio quello di Espiazione di Mc Ewan.

14) Quello più divertente?

Oddio divertenti nella mi libreria non è che ce ne siano tanti. Forse Guida galattica per autostoppisti di D. Adams.

15) Quello più triste?

Le ceneri di Angela di F. McCourt. Straziante.

16) Quello più originale?

I fiori blu di R. Queneau. Fuoriclasse.

17) Quello che più ti estrania dalla realtà?

Harry Potter. Perché io sono una povera babbana e non riesco ancora ad accettarlo!

18) Quello che avresti voluto scrivere tu?

Seta di Baricco…dite che mi sono lanciata un po’ troppo in là? A bocca aperta

19) Tre libri che vorresti leggere in futuro:

- Le cronache del ghiaccio e del fuoco di G. R. R. Martin

- Il conte di Montecristo di A. Dumas

- Il seggio vacante di J.K. Rowling

20) Tre autori che ti piacciono:

Solo 3 è impossibile!!! Come faccio a scegliere!!! Uffi, dico i primi che mi vengono in mente:

- Murakami Haruki

- Irene Nemirovsky

- Gabriel Garcia Marquez

21) Tre personaggi letterari tra i tuoi preferiti:

- Lisbeth Salander della Millenium Trilogy

- Ronald Wesleay di Harry Potter

- Daniel Sempere de L’ombra del vento

22) Tre libri che non avresti voluto leggere:

Nessuno. Anche quelli che non mi sono piaciuto hanno meritato il mio tempo.

23) Tre autori che non ti piacciono:

Anche qui è difficile. Ci sono autori che leggo in maniera discontinua, che a volte apprezzo e altre volte mi deludono. Pensandoci:

- S. Meyer

- E. L. James

queste due perché già chiamarle autrici è tanto.

Molto più su, non ha nulla a che fare con le prime due, sia chiaro, lui almeno lo si può chiamare autore, ma non incontra i miei favori:

- Paolo Giordano

24) Tre personaggi letterari che detesti:

“Detestare” è un parolone. Meglio antipatia:

- Paloma di L’eleganza del riccio

- Bella Swan di Twilight

- Lucius Malfoy di Harry Potter

25) Il tuo racconto preferito?

Giro di vite di H. James (anche se è più un romanzo breve, ma al momento non mi vinee nulla di corto che mi sia piaciuto così tanto).

26) Il libro della tua infanzia?

Peter Pan di J. M. Barrie.

27) Il primo libro da “adulto”?

Non saprei. Non ho vissuto uno stacco, un passaggio forzato dall’infanzia al mondo dei “grandi”. Però ricordo come un giro di boa le letture a sedici anni di Il ritratto di Dorian Gray di O. Wilde e di Cent’anni di solitudine di Marquez.

28) Un libro che hai comprato solo perché ti piaceva il titolo?

La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo di A. Niffenger. Neanche sapevo bene di cosa parlava quando lo comprai. Ma il titolo emanava una tale buona vibrazione…è stata una delle letture più belle di quell’anno e di sempre.

29) Un libro che hai comprato perché ti piaceva la copertina?

Rosso come una sposa di Anilda Ibrahimi. Nel bel mezzo dello scaffale disordinato mi colpì al punto da decidere di portarmelo a casa.

30) Classici o Moderni?

Entrambi!

31) Ottocento o Novecento?

Come sopra!

32) Il più bel film tratto da un libro?

La ragazza con l’orecchino di perla, film del 2003 tratto dall’omonimo romanzo di T. Chevalier. Una bella prova cinematografica, con una brava Scarlett Johansson.

33) Il primo libro che ti viene in mente?

54 di Wu Ming

34) Un libro che sei stato obbligato a leggere e non ti è piaciuto?

Ritratto dell’artista da giovane di J. Joyce. Non mi ha fatto impazzire, ma dovevo prepararci un esame…

35) Un libro che sei stato obbligato a leggere, ma ti è piaciuto?

Più difficile. Odio le letture imposte. Anche se sono bellissimi capolavori, potrei odiarli solo per il fatto che mi abbiano costretto a leggerlo. Ma fortunatamente questo non accade sempre e quando ho dovuto leggere Una stanza tutta per sé di Virginia Woolf per un esame, ho trovato quel saggio semplicemente straordinario.

36) Il tuo genere preferito?

Narrativa in primis, ma sono in fase di sperimentazioni…

 

E con questo è tutto. Il tag è libero e chiunque può cimentarsi con il questionario. Se lo fate avvisatemi che vengo a sbirciare…

A presto!

You May Also Like

32 commenti

  1. E menomale che Pennac ha detto che è un sacrosanto diritto del lettore piantare i libri a metà, ora mi sento meno in colpa... ho piantato a metà proprio il suo "La fata carabina", non ce la potevo fare! Va detto però che ero piccola, dovrei provare a rileggerlo ora! :)
    Ma sai che anch'io ho quasi voglia di mettermi a rileggere Harry Potter? Sarà il Natale che si avvicina! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un periodo di tentazioni...:-)
      Se vuoi riprovarci con Pennac leggi prima "Il paradiso degli orchi"...la famiglia Malaussene conquista piano piano, partendo dal principio (si tratta di una saga e La fata carabina è il secondo della serie)...

      Elimina
  2. Non posso che confermare le affinità che avevi notato tu leggendo le mie risposte! Un'altra amante di Lisbeth, che bello, io sono totalmente pazza di lei! (e di Noomi Rapace che l'ha interpretata da dio nella versione scandinava dei film – certo, tutto il resto lasciava un po' a desiderare, ma Noomi mi ha tolto il fiato.)

    RispondiElimina
  3. Potrei farlo se solo riuscissi a leggere almeno la metà dei libri che leggi tu...
    Ma come fai me lo spieghi????
    Sei una libreria...e di fatti sei tu che consigli le mie letture...
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo da tanti anni, da una vita...è una malattia quasi...:-)

      Elimina
  4. Quando ho letto questa intervista ho pensato a quanto è beffardo il tempo. E' proprio vero: 24 ore al giorno sono davvero poche per la marea di bei libri che ci sono là fuori! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è vero...so many books so little time...

      Elimina
  5. Bellissimo tag:) Però a me La solitudine dei numeri primi è piaciuto tanto..

    RispondiElimina
  6. Bellissimo questo tag (anche se molti dei libri che hai citato purtroppo non li conosco)! Mi hai fatto proprio venire una voglia di leggere Espiazione, mi sa che prima o poi me lo leggo.

    RispondiElimina
  7. Il commento sopra è mio... Non della Ludo (lei non legge...) :-)

    RispondiElimina
  8. Mi fai venire ancora più voglia di leggere, avere voglia di leggere e non potere è una delle cose più brutte sai? Provo proprio una grande invidia -.-

    Sono tornata e ho anche trovato il coraggio di aggiornare ;)

    RispondiElimina
  9. uhm... devo assolutamente leggere L'ombra del vento prima o poi. E sono curioso di scoprire com'è I Fiori blu.. di Quenau

    RispondiElimina
  10. Fantastico questo post! Ma Strawberry quanti libri legge? ;)
    Davvero hai tantissimi gusti letterari diversi ma interessanti!
    Mi segno molti titoli! :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. questo post mi ricorda che dovrei leggere di più ç.ç

    RispondiElimina
  12. Anche per me Lisbeth Salander è un personaggio davvero speciale.

    Bacio

    RispondiElimina
  13. A parte Harry Potter, non abbiamo molti gusti in comune, però è bello anche così: a volte si prendono favolosi spunti leggendo i consigli altrui :)
    Mi sa che prima o poi ti ruberò le domande ...

    RispondiElimina
  14. Concordo su parecchi, carinissimo questo post :)
    Un bacio cara

    Carolina

    www.the-world-c.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. Mi hanno parlato benissimo della Nemirovsky ma non ho mai letto niente! Da quale libro mi consigli di cominciare? :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti direidi iniziare dal ballo che è un libricino gioiellinoche mi ha permesso di scoprirla.ma il suo capolavoro è Suite francese...

      Elimina
  16. in effetti, il finale di espiazione, per quanto tragico, è meraviglioso.. ciao

    RispondiElimina
  17. Anche io sono una accumulatrice di libri.. Però alcuni soggiornano nella mia libreria d aben più di un anno! :(

    RispondiElimina
  18. ovvio che te lo rubo :)

    non sapevo fossi amica di Ron Weasley!

    ci sono un sacco di bei consigli in questo meme... qualcuno me lo appunto!

    RispondiElimina
  19. Che interessante sapere di te...
    Anch'io visito per primo "narrativa e nuove uscite" in libreria e "A casa delle belle addormentate" non è il mio preferito tra le opere di Kawabata Yukinari...

    RispondiElimina
  20. Sei sempre una miniera di consigli!
    Bello questo giochino, lo faccio anch'io!

    RispondiElimina
  21. Questa cosa la sospetto anche io, mi sa che quando tornerò dovrai aiutarmi ad affrontare questa "perdita". E non sai quanto sono arrabbiata per non aver potuto fare un anno fuori, mi toccano solo 5 mesi. Vabbè meglio di niente!
    Non mi hai allarmato ma mi hai confermato! Si può avere nostalgia di un'emozione che si è solo assagiati?
    Sono proprio una donna tragica :)

    RispondiElimina
  22. Io Siddharta l'ho finito, anche perché di solito non mi avvalgo mai del permesso che ci ha dato Pennac. Insomma, l'ho finito, anche perché me l'aveva gentilmente dato la mia prof di filosofia, ma non c'ho capito niente. Niente. Sono arrivata alla fine con duemila punti interrogativi e una sensazione di smarrimento pazzesca. Non ne ho proprio capito il senso.

    L'ombra del vento l'ho preso quest'estate, ma non l'ho ancora letto.

    RispondiElimina
  23. questo post mi è piaciuto tanto
    ammappa quanti libri hai letto! ;)

    RispondiElimina
  24. Ciao!
    Alla fine l'ho copiato anche io! Non so come ho fatto a ripescarlo!! Un abbraccio

    RispondiElimina