E sai di cosa sto parlando… (Ma la musica dov’è? Track 7: Tutto su Eva - C. Consoli)

by - 02:06

 

Credo di stare annoiando tutti con questi miei post di sfogo. Che dirvi, se un blog personale ha uno scopo, sarà anche quello di raccontare me stessa. Abbiate pazienza.

In questi giorni riflettevo su quanto sia possibile trasmettere attraverso sguardi e gesti. E quanto ridicoli siano i nostri segreti.

Mi accorgo che le persone sono meno cieche di quello che credevo. Gesti che crediamo trascurati vengono registrati e analizzati, parole che speriamo siano ignorate sono arrivate alle orecchie di tutti e sguardi che credevi fatti di sfuggita sono stati notati e decifrati.

Mi chiedo quanto la nostra persona sappia nascondere realmente. Ci affanniamo a non mostrarla troppo, a far scorgere solo la punta dell’iceberg, e lasciare il resto solo a poche persone accuratamente selezionate  e anche con loro, siamo sinceri, abbiamo sempre dei lati oscuri, segreti e omissioni, che non sveleremo mai. Forse siamo tutti un po’ traditori, anche con chi promettiamo assoluta fiducia e sincerità, ma non credo ci sia da sentirsi in colpa. Non riesco a sentirmi in colpa. Sono una persona aperta e intellettualmente onesta, ma amo tenermi qualcosa solo per me, condividere pensieri ed emozioni solo con l’unica persona che mi conosce meglio di chiunque altro, vale a dire la povera me stessa.

Eppure qualcosa trapela. Fuoriesce dagli argini che credevi sapientemente costruiti e striscia via, prende forma, assume corporeità e si pianta su di te come un’insegna luminosa – si, come quelle dei diner americani – a indicare quello che non volevi mai dire, forse nemmeno pensare. E mi viene il dubbio che l’unico motivo per cui la gente riesca a vedere ciò che tenti di nascondere è che ognuno di noi vede in chi ha di fronte un altro se stesso con i suoi stessi segreti. Siamo degli specchi, c’è poco da fare, e negli altri ritroviamo quei ridicoli pensieri taciuti, quei gesti infantilmente nascosti, quelle frasi inutilmente sussurrate. E capita che quando il mistero viene svelato, questo non sia altro che un segreto di Pulcinella, condiviso da entrambe le parti. Perché forse chi vive le stesse sensazioni, gli stessi pensieri, si riconosce a vista e si viene attratti come calamite. Si sa, uno stesso destino accomuna più di mille affinità caratteriali. Ci si sente come reduci di una stessa guerra, superstiti di uno stesso incidente, vittime di uno stesso carnefice.

E quando arriva questa consapevolezza, giunge anche il sollievo. Perché scoprire le carte significa mettere fine al dramma. Perché per quanto ci siano segreti inconfessabili, sapere che c’è qualcuno che sa e capisce ti rende più leggera. E pazienza quello che ho scritto sopra.

Ma bada bene. Non ammetterò mai cosa è stato svelato. Ma se ti incontrerò, ti lancerò uno sguardo da chi sa che tu sai. E sorriderò chiedendomi cos’altro mai si capirà…

Guardami negli occhi
Spogliati da ogni falsità
Quell'aura di purezza tradisce diaboliche anomalie
E sai di cosa sto parlando
di cosa ho bisogno

You May Also Like

10 commenti

  1. Il blog ha anche un ruolo terapeutico, di apertura e confronto. La tematica è seria, non sempre siamo in grado di esternare i nostri sentimenti ed emozioni e spesso li tratteniamo. Le persone sensibili e intelligenti intorno a noi capiranno lo stesso.

    Bacio

    RispondiElimina
  2. Concordo completamente con Kylie: scrivere il più delle volte, sia su un blog sia su carta, a volte può essere terapeutico. Vedere le parole nere su bianco ci può aiutare a capire meglio cosa stiamo passando in quel momento.
    Che tanto, detto tra noi, possiamo nascondere o provare a mimetizzare finchè vogliamo alcuni ns sentimenti o emozioni, ma se chi ci è accanto ci "conosce" saprà capirci anche senza parole.

    RispondiElimina
  3. Non so, io a volte faccio fatica a mostrare la mia parte più emotiva perchè ho sempre il terrore che si ritorca contro di me, forse perché ho avuto tante fregature, però è sempre bello scoprire che gli altri hanno le tue stesse paure perché ci si sente meno soli e si prova sollievo, come hai detto tu. Forse si dovrebbe imparare ad essere più aperti, il problema è riuscire a capire con chi! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già cara fatina, è proprio lì il problema...capire con chi esserlo e poi capire anche perché esserlo...

      Elimina
  4. Io sono una persona abbastanza chiusa, non mi piacere condividere le mie cose (idee e sentimenti soprattutto) con gli altri, probabilmente perchè sono rimasta delusa da così tante amicizie che ho paura di rimanere ferita ancora. Poi a volte mi capita di aprirmi con persone appena conosciute, ma con le quali avverto una forte sintonia. Ed è una bella sensazione!

    RispondiElimina
  5. Ci sono persone chiuse, persone aperte e persone che pensano di essere chiuse ma rivelano gesti o segni tangibili che li sgama.

    RispondiElimina
  6. annoiarci...ma figurati...è bellissimo!

    RispondiElimina
  7. D'accordissimo con Sara, per me è la stessa cosa.
    Buona domenica cara.
    Miky

    RispondiElimina
  8. A che serve un blog,se non puoi usarlo per sfogarti ogni tanto?Capisco quello che scrivi,io spesso ho la sensazione di essere un po' troppo un libro.Nel senso che a volte sono lì con le pagine al vento,magari quando non devo.Altre volte sto chiuso con la copertina lì mezza strappata.E l'importante è avere qualcuno che con un solo sguardo/colpo di vento capisce tutto quello che c'è scritto dentro,no?:)

    RispondiElimina
  9. Eh guarda io sono una persona molto socievole, parlo tantissimo e ascolto anche devo dire, però svelo solo quello che voglio. Alcune cose le tengo solo per me, anzi sono così brava a trattenerle che spesso le nascondo anche a me stessa. Per questo penso che se una persona vuole, può nascondere molto bene ciò che vuole. E' vero sapere che qualcun'altro condivide le tue stesse sensazioni è più facile, il problema è trovarla questa persona. Per ora tengo le mie cose nascoste in un forziere con un grande lucchetto :D G.

    RispondiElimina