14 commenti
  1. La bellezza delle cose fragili è bello, bello, bello. Mi ha quasi commossa, e io non sono mica una tipa facile! ;)

    RispondiElimina
  2. Approvo Sofia ( che novità?) e la Selasi. L'anno scorso li avevo eletti miei libri preferiti. Della Nothomb ho letto pochissimo, ma non sono rimasta particolarmente entusiasta. Questo mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da amante della cultura giapponese ammetto di essere di parte... è un libro che mi ha dato uno sguardo insolito sul Giappone, originale e quanto mai veritiero, e mi ha lasciato tra l'esterrefatto e lo stupito, oltre ad essermi piaciuto molto...

      Elimina
  3. Non ne ho letto nemmeno uno, ma almeno un paio mi incuriosiscono...

    RispondiElimina
  4. se stoner è addirittura al numero 1 allora è da recuperare al più prestissimo!!!

    RispondiElimina
  5. Non ne ho letto nemmeno uno - "Stoner" mi aspetta ancora sul comodino, però. Zerocalcare però sarà senz'altro mio, prima o poi; e il libro della Selasi mi ispira molto.

    RispondiElimina
  6. Stoner me lo segno tra le letture dell'anno prossimo, nel 2015 ho deciso che mi rimetto a leggere seriamente... le ultime parole famose :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Sara, l'importante è partire con il piede giusto! ;-)

      Elimina
  7. della nothomb ho sempre sentito parlare bene, ma non l'ho mai letta. dovrei decidermi ad approcciarla come hai fatto tu ;)

    stoner me lo segno!

    RispondiElimina
  8. Vergogna!! Quest anno ho letto pochissimo:( devo rifarmi!!

    RispondiElimina
  9. Stoner l'hanno regalato a mia mamma per Natale, me lo farò prestare ;)

    RispondiElimina
  10. Tra questi ho letto solo Sofia, l'anno scorso. Mi era piaciuto molto.

    RispondiElimina