16 commenti
  1. Ho una grandissima voglia di leggere questo libro! da mesi ormai è in cima alla mia lista di libri da leggere ma a causa dello studio e degli esami non sono ancora riuscita a trovare il tempo giusto da dedicargli! La cosa che mi incuriosisce tantissimo è come sia diventato di successo dopo 50 anni dall'uscita...poteri della magnificenza dell'arte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono diversi i libri che hanno una seconda vita dopo molti anni dalla pubblicazione... forse i contemporanei non erano pronti, o forse le coincidenze temporali portano in superficie cose apparentemente dimenticate... in ogni caso, è un libro stra consigliato! :-)

      Elimina
  2. Ciao Cara,
    sono appena tornata e naturalmente sono passata a salutarti e vedere un po' cosa mi sono persa.
    Leggendo alcune frasi del libro mi sono resa conta che non mi spiace come lettura, la inserirò nella mia lista.
    buon week end a presto

    RispondiElimina
  3. A me invece ha annoiato un po', sicuramente non era il periodo giusto per leggerlo! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato, ma come sempre, la buona lettura lo fa anche il periodo che viviamo... :-/

      Elimina
  4. Ottima recensione per un meraviglioso libro che davvero non ti aspetti così bello.
    Ti lascio con la mia parte preferita:
    "Non credere di scappare. amico mio. Ora tocca a te. Chi sei tu, veramente? Un umile figlio della terra, come ti ripeti davanti allo specchio? Oh, no. Anche tu sei uno dei malati: sei il sognatore, il folle in un mondo ancora più folle di lui, il nostro Don Chisciotte del Midwest, che vaga sotto il cielo azzurro senza Sancho Panza. Sei abbastanza intelligente, di certo più del nostro comune amico. Ma in te c’è il segno dell’antica malattia. Tu credi che ci sia qualcosa qui, che va trovato. Nel mondo reale scopriresti subito la verità. Anche tu sei votato al fallimento. Ma anziché combattere il mondo, ti lasceresti masticare e sputare via, per ritrovarti in terra a chiederti cos’è andato storto. Perché ti aspetti sempre che il mondo sia qualcosa che non è, qualcosa che non vuole essere."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è anche uno dei mie pezzi preferiti! :-)

      Elimina
  5. Se lo dici tu mi fido eh :)

    RispondiElimina
  6. ma io ti quoto ogni singola parola! bellissima recensione, rende bene quello che è Stoner!

    RispondiElimina
  7. In questo periodo ho sempre meno tempo per leggere...nonostante ho comprato tanti libri in Italia...
    Ma questo libro mi ha interessato molto. Grazie, lo leggerò.

    RispondiElimina
  8. Anche io ne ho sempre sentito parlare molto bene. Ho letto Butcher's crossing e mi è piaciuto molto, ma per Stoner sono ancora un po' titubante... Ho paura che sia un po' "pesino".. Tu che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, secondo me se hai già letto altro di Williams, Stoner ti piacerà tanto... È la bellezza di questo libro sta proprio nel fatto che nonostante le apparenze non è assolutamente pesante! :)

      Elimina
  9. sai che non mi ha colpito, avevo troppe aspettative.

    RispondiElimina