Serie Tv - recupero estivo: the b**** e l’investigatore…

by - 02:35

 

Come annunciato, ho ricominciato il recupero. E vi avevo anche detto che vi avrei parlato di una serie di quelle da non perdersi assolutamente con la prossima stagione televisiva. Di cosa sto parlando? Ma di Don’t Trust the B**** in Apartment 23!

Apartment 23 (In italiano il titolo completo è Non Fidarti della Stronza nell’appartamento 23 ma gli americani amano i *bip* e le censure e quindi per comodità tendono a rimpicciolire il titolo così) è una sitcom in onda su ABC da Aprile 2012. In realtà la serie era stata commissionata nel 2009 dalla FOX ma poi rimandata fino a quando la ABC decide di produrre la prima stagione, facendola debuttare a metà della stagione 2011/2012.

Sitcom scoppiettante e imprevedibile, è la storia di June (Dreama Walker), una ragazza appena trasferitasi a New York dall’Ohio per intraprendere una nuova vita e un nuovo fantastico lavoro. Peccato che l’azienda che l’ha assunta fallisca il giorno stesso in cui sbarca in città e così la ragazza si trova senza lavoro e senza un tetto. Costretta dagli eventi, June deve adattarsi a lavorare in una caffetteria e deve trovarsi una stanza. Risponde così all’annuncio di Chloe (Krysten Ritter) che appare la coinquilina perfetta: carina, simpatica, glamour e soprattutto amica di James Van Der Beek alias Dawson di Dawson’s Creek!! Peccato che Chloe sia anche una grandissima b****! E June non tarderà a a scoprirlo…

Apartment 23 è una serie che ti conquista fin dal primo episodio. Lasciate a casa ogni remora e ogni perbenismo: Chloe è scorretta, menefreghista, bugiarda, ladruncola, approfittatrice, con la tendenza a ingannare per i propri interessi e a cercare di trarre sempre ogni situazione a suo vantaggio. Ama la bella vita e ha un’etica tutta sua, davvero molto, MOLTO aperta e flessibile…è matta ed è ipossibile non trovarla fantastica!

Per June, ragazza semplice e ingenua, vissuta con i suoi genitori fino al momento della partenza, che crede ancora che nel mondo esistano la bontà e la gentilezza, sarà un impresa (sopra)vivere in compagnia della sua nuova coinquilina. Ma il loro rapporto è destinato a diventare quanto più vicino a un’amicizia Chloe possa raggiungere e la vita con lei sarà per June, si, una bella doccia fredda ma anche una scarica di adrenalina in una vita monotona e alquanto prevedibile

La chicca della serie però è lui. James Van Der Beek. Dawson. Anuuanauei. Si è proprio lui. Ed è probabilmente una delle rivelazioni più belle di questa stagione. James, nel ruolo di un se stesso un tantino esagerato, è riuscito a fare della sua croce (se così vogliano chiamarla), ovvero essere incastrato in un personaggio che lo ha reso celebre ma che sembra impedirgli di andare oltre con la sua carriera, in un punto di forza e in uno spunto geniale di comicità. James prende in giro se stesso, Dawson e la sua carriera e lo fa benissimo! Davvero sono tornata ad apprezzarlo, forse più di quando vedevo Dawson’s Creek.

 

Don’t Trust the B**** in Apartment 23 è divertente, frizzante, sconclusionato, con dei bei picchi di genialità comica (emorabile già la scena nella vasca) e, nonostante al momento ci siano solo 7 puntate, sono sicura che a settembre ci darà delle gran belle soddisfazioni…STRACONSIGLIATO!

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Tra le serie recuperate di recente ce n’è un’altra so british: si tratta di Sherlock in onda sulla BBC (in Italia la prima serie è andata in onda su Joy e poi su Italia 1)

Fino a due settimane fa Sherlock Holmes mi aveva sempre annoiato. Ho provato qualche brivido di interesse solo con i film con Robert Downey Jr e Jude Law (e avrete anche capito perché). Poi guardo senza aspettative il primo episodio di Sherlock. Ed è stato amore.

La serie si ispira ovviamente alle celebri avventure del detective frutto della fantasia di Sir Arthur Conan Doyle. Solo che non siamo più nella Londra fumosa e cupa dell’epoca vittoriana, ma nella metropoli tecnologica e vibrante degli anni 10 del XXI secolo. Anche in questo presente, John Watson (Martin Freeman, qualcuno se lo ricorda in The Office) è un dottore e un soldato, reduce di una guerra in Afghanistan. Solo che scrive un blog, su consiglio della terapista. In pieno trauma postbellico, che lo porta a zoppicare ed estraniarsi dal mondo, John non sa come ritrovare un posto nella società. Sarà l‘incontro casuale con Sherlock a  riportarlo alla vita…e che vita oserei dire...Sherlock Holmes (Benedict Cumberbatch, già noto per la sua parte in Espiazione) è un intrigante sociopatico ossessionato dal mistero e dalla scienza della deduzione (ha aperto anche un sito web a riguardo), al punto da essersi creato un lavoro, quello di “consulente detective”, che, anziché una lente di ingrandimento, usa microscopi, test scientifici e un blackberry per connettersi in rete.  Un genio solitario dall’aspetto e dagli atteggiamenti molto dandy, che non manca di emanare quintalate di fascino ovviamente a vuoto, dato che lui dice di essere sposato con il suo lavoro. In realtà il rapporto che si creerà tra lui e John (personaggio che io ADORO e che forse preferisco all’osannato Sherlock per la sua estrema dolcezza e correttezza nei confronti dell’amico) è quello di un’amicizia simbiotica, autentica e molto forte (quelle famose amicizie per la vita), al punto che spesso vengono scambiati per compagni più che coinquilini e c’è da dire che nella serie non si smentisce mai apertamente (a parte le deboli obiezioni di Watson) l’esistenza di un amore platonico tra i due…ma questo lo faccio decidere a voi perché ognuno ci vede ciò che vuole. In ogni caso la loro amicizia è una delle cose più toccanti che ho visto negli ultimi anni in tv e sono sinceramente impressionata e commossa.

La serie risulta avvincente anche per chi non ha mai letto Uno studio in rosso o Il mastino dei Baskerville. Ai momenti di indagine e di follia che contraddistinguono Sherlock e i casi che segue e che letteralmente ti lasciano di stucco o con il fiato sospeso, si alternano momenti davvero ironici, sequenze di tipico humor inglese, grazie anche alla collaborazione di tutta una sfilza di personaggi secondari adorabili, ed episodi di travolgente emozione (vedi A scandal in Belgravia)…E’ scontato dire che ne sarete dipendenti fin dalla prima manifestazione di saccenteria e genio di Sherlock (ama mettersi in mostra…)

Le stagioni al momento prodotte (due) constano di soli 3 episodi di 90 minuti ciascuno. Facile da recuperare, ma forse avrei preferito un paio di episodi  in più per ogni stagione, perché quando si arriva al season finale, inesorabilmente si avverte una sensazione di tristezza e vuoto e ci si sente un pò più soli, orfani di Sherlock e John. O forse sono io che mi devo curare…

Certo è che si tratta di un’altra serie da non perdere…mi ringrazierete (o inveirete contro di me come ha fatto Federica dopo essersi appassionata a Revenge).

Alla prossima! Buona visione!

You May Also Like

30 commenti

  1. Strawberry, ho visto che mi segui anche su Style, grazie mille cara
    p.s. Direi che il tempo non ha affatto scalfito il fascino di Dawson!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati cara, è un piacere seguirti anche lì! ^^

      Elimina
  2. Mi intrippa Sherlock, specie dopo aver apprezzato molto i film sul personaggio. Se volessi rivedere dalla serie 1, ho speranza di trovarla in TV? O mi devo "arrangiare"? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. paolo così su due piedi mi arrangerei perché su italia 1 l'avevano data questo inverno...aa meno che non facciano repliche nel mezzo...;-)

      Elimina
  3. Risposte
    1. ps. ho convinto pure mia sorella e una nostra amica con cui guardavamo lost a vedere revenge e ci troviamo una volta a settimana per vederlo... ma ora che siamo in pari siamo disperate di poterne vedere una sola puntata a settimana!

      Elimina
    2. Lo so cara è dura vederne una per volta...è una cosa che riesce a malapena a sopportare...meno male che trovo sempre qualcosa con cui rimpiazzare...:-)

      Elimina
  4. Appartament 23 mi ispira moltissimo...troppo curiosa di vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedilo e fammi sapere betty...credo non te ne pentirai...:-)

      Elimina
  5. Stavo giusto cercando un po' di serie da guardare durante l'estate, visto che anche Game of Thrones è finito... Apartment 23 mi attira molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Game of Thrones ne parlo al prossima volta perché anche quello è stato un recupero a finale di stagione...che meraviglia...
      Apartment 23 guardalo che ti diverti sicuro! :-)

      Elimina
  6. Felice di sapere che sei anche tu vittima di Sherlock ;) Personalmente, preferisco assolutamente la versione BBC a quella americana! Benedict Cumberbatch e Martin Freeman sono entrati con forza nella lista dei miei attori preferiti, li adoro :)

    RispondiElimina
  7. riesci a saperne sempre una più del diavolo... io di questi telefilm non ho mai neppure sentito parlare vacca gallina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pata e io che ci sto a fare? ;-)
      se puoi recupera, credo che Apartment 23 potrebbe piacerti! ^^

      Elimina
  8. Di sherlock ne ho sentito parlare e mi incuriosisce essendo un'appassionata dle genere investigativo.
    Anchi, a tal proposito,se amate le storie intrigate e siete abili nello smascherare i colpevoli.
    allora non potete non partecipare a questo gioco www.misfattoincasafelice.it
    Si tratta di svelare il colpevole di un Misfatto.
    E' in pratica una mini fiction articolata in sei puntate, in ognuna della quali bisogna indovinare  gli indizi, che porteranno in seguito, a scoprire il colpevole.
    In palio tre bellissimi divani Doimo.

    RispondiElimina
  9. grande bitch e grande dawson!
    sherlock invece non l'ho mai retto come personaggio, quindi passo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me non ha mai detto nulla poi ho cambiato idea...:-)

      Elimina
  10. Van Der Beek non si vedeva da un secolo!

    Baci

    RispondiElimina
  11. Torna Guzzanti con "Aniene", in esclusiva su Sky: http://youtu.be/IKjwKHbwLWE

    RispondiElimina
  12. la str-bip dell'appartamento 23 mi incuriosisce... ricordo Dawson... lo seguivo e non so perché.... mi fido del tuo giudizio la cercherò...
    anche Sherlock mi entusiasma... a volte, solo perché mi piace conan doyle, seguo il taccuino di sherlock holmes una serie vecchissima con un attore che rende il personaggio di sherlock molto molto antipatico. questo giovane ragazzo con il bel taglio di capelli mi appassiona di più.
    revenge piace anche a me e mi chiedo sempre dove arriveremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai fammi sapere per la b-...sherlock io l'ho trovato noioso per anni, poi vedi cosa succede...:-D

      Elimina
  13. Sapevo che Sherlock ti sarebbe piaciuto!!!! :D
    Invece "Don’t Trust the B**** in Apartment 23" non mi interessava molto, ma adesso il tuo commento mi ha incuriosita, i sa che proverò a guardarlo! Anche se ho tanti di quegli arretrati!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi? Avevi ragione su sherlock!!
      Apartment 23 vedilo che è simpatico...anche se capisco la storia degli arretrati...qui comunque è ormai dipendenza..:-D

      Elimina
  14. Sono entrambi due prodotti fatti benissimo, Apartment 23 lo aspettavo con impazienza da quando avevo letto della presenza di Krysten Ritter che adoro e devo dire che James Van der Beek mi ha sorpresa tantissimo, mi piace un sacco qui!
    ciao,
    sandra
    http://imnotgossipgirl.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. foto stupende!mi piace molto questo post!

    RispondiElimina