Tra premi e affidabilità al 100%

by - 03:28

Ehilà fragoli! Come va?

Questo post è dedicato a chi ha avuto un pensiero, premiandomi non una, non due, ma ben tre volte! #colpogrosso

Iniziamo con il premio assegnatomi da Laurie: il Liebster Award! Wow!

Ringrazio Laurie, una delle ultime conoscenze di questi mesi che già sento di adorare, un blog carinissimo e una testa niente male.  Il premio, immagino lo sappiate, prevede una serie di compiti che il vincitore deve svolgere. Partiamo.

- Raccontare 11 cose di te.

Era molto tempo che non lo facevo. L’ultima volta che vo ho raccontato qualcosa è stato in questo post e ora mi ritrovo a chiedermi cosa posso raccontarvi di nuovo dopo aver quasi scritto la mia autobiografia. Ma posso farcela. Me lo sento.

  1. Sono una gran chiacchierona, sia qui che in pubblico, per questo parlo sempre di tutto, parlo molto dei fatti miei, e per questo ho dovuto pensare molto a cosa scrivere per questo premio
  2. Per tutta l’estate ho scambiato Bianca Atzei (whoo?!? io ignoravo la sua esistenza) con Emma Marrone perché alla radio mi sembravano uguali. (fan di Emma fatevene una ragione e non prendetevela, pliis!)
  3. Ho 41 libri non iniziati – e in febbricitante attesa – che vivono su un divano. Giuro, fanno da contro-schienale e probabilmente li spaccerò per una nuova idea di interior design (sperando, nel frattempo, di smaltirli). Acquisto compulsivo libresco modalità ON.
  4. Faccio la lista della spesa e puntualmente la dimentico a casa, così vado a braccio e i risultati sono sempre pessimi. Un classico è quando io e amorcito che torniamo a casa carichi di sacchetti con dentro l’inimmaginabile e, appena posati, ci guardiamo negli occhi e ci accorgiamo che l’unica cosa che dovevamo comprare, solitamente la carta igienica, ce la siamo dimenticata.
  5. Vorrei tanto seguire un corso di giapponese e non è detto che nel corso dell’anno non lo faccia davvero questa volta.
  6. Qui faccio molto la simpatica e l’amichevole… nella realtà sono sicuramente tutto questo, ma allo stesso tempo sono molto suscettibile e se ho la luna storta camminatemi attorno in punta di piedi!
  7. Se prendo una birra in bottiglia ho il vizio di giocare con l’etichetta fino al punto di toglierla dalla bottiglia e cominciare, mentre chiacchiero, a strapparla e ridurla in coriandoli. Non lo faccio sempre ma quando capita è mania!
  8. Non posso andare a dormire se non ho portato a termine il capitolo del libro che sto leggendo, anche se mancano ancora 50 pagine e so già che farò le ore piccole e l’indomani sarò uno straccio.
  9. Amo le borse, molto più delle scarpe, tipica fissa femminile. Ne ho tante di ogni tipo e colore e sono una delle prime cose che compro quando sono giù (dopo i libri). L’unico genere che mi manca sono pochette e clutch, che adoro e bramo ma che finisco sempre per non comprare perché non so mai quando metterle. Ovviamente uno degli obiettivi di quest’anno sarà procuramene almeno una.
  10. Non ho mai visto Psycho di A. Hitchcock (shame on me!), ma dovete capirmi, da bambina ero una fifona e da grande per la mia mente malata una strana inquietudine aleggia ancora attorno a quel film…
  11. Uno dei miei tanti soprannomi è “Ciccio pasticcio” ed è facile immaginare il perché. Mi chiamava così anche la mia coinquilina spagnola, quando le spiegai il significato. Per uno spagnolo pronunciare un tale nome è un po’ un’impresa, troppe c dolci e ben due doppie, ma lei si divertiva tantissimo a ripetermelo dopo che avevo rotto l’ennesimo piatto!

- Rispondere a 11 domande

Ecco le domande preparate da Laurie:

1. Se potessi scegliere tre personaggi di fantasia con cui condividere un appartamento, chi sarebbero?

Harry, Ron e Hermione, non si discute.

2. Qual è la tua serie tv preferita, e perché?

Non si fanno queste domande a delle serie tv addicted! Non saprei cosa rispondere, qualche mese fa avrei detto Game of Thrones, adesso Homeland, l’anno scorso Mad Men, e prima ancora Grey’s Anatomy e How I met your mother. Era più semplice quando c’era Lost perché sapevi che quella era sempre la risposta giusta.

3. Che tipo di ragazzo eri/sei, a scuola? Il secchione, lo sfigato, il mangione, lo sciupafemmine, quello che manda a quel paese i prof, quello che fuma in bagno, quello che alza sempre la mano, quella che quando passa tutti si girano a guardarla…? E vogliamo esempi!

Io ero la studentessa capitata per sbaglio al liceo scientifico e per questo destinata al 4 fisso in matematica, fisica e chimica ma anche ai 7, 8 (e addirittura 9) in inglese, storia, filosofia, latino e italiano. Fatto la scelta sbagliata? E cosa te lo fa pensare?

4. Qual è la tua opera d’arte preferita, e perché?

Las Meninas di Velazquez. Perché è un dipinto di grande forza espressiva che ritrae dinamiche familiari che si rivelano allo spettatore attento e curioso, mentre quest’ultimo viene rapito in un gioco di riflessi che affascina e non stanca mai. Quando andavo al Prado, e praticamente ci andavo una volta a settimana, mi soffermavo sempre un po’ di più a guardare quest’opera e ho un ricordo speciale legato ad essa.

5. Libro e/o autore preferito e perché?

Jane Eyre di Charlotte Brontë (ormai lo sanno anche i muri), perché con lei è cominciata la mia educazione sentimentale.

6. Se potessi cambiare il nome della via in cui abiti, come la chiameresti, e per quale motivo?

Io non lo cambio il nome della via in cui abito, mi ricorda troppo il nome di una pizza e io adoro la pizza!

7. Se potessi cambiare qualcosa del tuo carattere, quale sarebbe e per quale motivo?

Collegandomi a quanto detto sopra, mi piacerebbe essere meno suscettibile e anche permalosa. Inoltre dovrei ricordarmi di contare fino a 10 nei giorni di maggior nervosismo. Sono sicura che smussando questi angoli vivrei meglio.

8. Cosa provi quando leggi? Sia in positivo che in negativo!

Di negativo niente. Io quando leggo provo la stessa gioia di quando da bambina, se i miei non erano nei paraggi, immergevo il cucchiaino nella nutella e me lo sbaffavo tutto. Un piacere solitario e privato, un momento tutto mio.

9. Hai mai provato a scrivere qualcosa (racconti, poesie, un romanzo, una sceneggiatura…)? Hai portato il lavoro a termine?

Certo, ho scritto dei racconti, scrivevo soprattutto quando avevo il vecchio blog. Alcuni sono stati pubblicati in una raccolta di beneficienza, altri hanno vinto dei contest. Al liceo scrissi una sceneggiatura in due atti sulla storia di tre amiche. Lo ricopiai su word e me lo sono anche stampato. Chissà dove è finito ora… Ormai sono anni che non scrivo racconti e non so quando ritornerò ad avere la pazienza, voglia, grinta per farlo. Per il momento mi basta quello che scrivo qui sul blog.

10. Qual è il tuo lavoro dei sogni, e soprattutto per quale motivo lo consideri tale?

Domande che fanno male. Fare la professoressa è sempre stato il mio obiettivo, se potesse avverarsi mi riterrei una persona felice, perché credo che sia la dimensione che meglio mi rappresenta e in cui darei il meglio. Tuttavia adorerei lavorare anche in una redazione, di una casa editrice in primis, ma anche di una rivista alla Vanity Fair. Ho sogni difficili da realizzare e, nonostante i tentativi e gli sforzi e altri tentativi, non sempre i sogni si avverano.

11. Qual è la tua citazione preferita, e perché?

“Happiness is real only when shared.” Credo fermamente nella condivisione dei momenti felici.

- Formulare 11 domande

Per i malcapitati che premierò.

1. Il libro della tua infanzia?

2. Quale autore è per te sopravvalutato e quale meriterebbe, invece, maggiore considerazione?

3. Caffè o tè? E perché?

4. Cosa canti sotto la doccia?

5. Qual è il libro/autore che ti ha più influenzato nella tua vita da lettore?

6. Il tuo film preferito e perché.

7. Se avessi una macchina del tempo, in che epoca andresti a curiosare?

8. Una tua fissazione o mania?

9. Se ti dovessi descrivere in 5 parole, quali useresti?

10. Il tuo cartone animato preferito?

11. Se dico fragola tu cosa mi rispondi?

- Nomination

Daisy

Cristina

Monica

Ale

Kassandra Black

Silvia

Curly and Curious

Kylai

radiolinablu

Tizy

Francesca

E con il Liebster abbiamo finito!

----------------------------------------------------------------------------

Sono stata premiata due volte ancora. Questa volta con un premio che attesta la mia affidabilità! Che onore!

Il Blog Affidabile

 

Per questo premio devo ringraziare Silvia e Francesca, che hanno due tra i blog a cui sono più affezionata, ci seguiamo da tempo e ogni volta che passo da loro trovo sempre spunti interessanti e storie curiose.

Ok, ora cerchiamo di capire cos’è questo premio 100% affidabile.

- Quali sono le caratteristiche di un blog affidabile al 100%?

1 – E’ aggiornato regolarmente. Direi che ci siamo, ultimamente, poi, ho ripreso un bel ritmo.

2 – Mostra la passione autentica del blogger per l’argomento di cui scrive. La passione che metto in questo blog la sapete solo voi, io cerco sempre di trasmettervela e di rendervene partecipi.

3 – Favorisce la condivisione e la partecipazione attiva dei lettori. Ho appena trascritto la mia citazione preferita, che della condivisione fa il suo fulcro e io la sposo in pieno, sperando che questo si percepisca, sia qui, che su facebook e twitter, ormai prolungamenti naturali di questo blog.

4 – Offre contenuti  ed informazioni utili ed originali. Io parlo a ruota libera di ciò che mi appassiona nella vita o di quello che mi frulla in testa e sono contenta se i miei sproloqui vi possono essere utili o se semplicemente vi allietano qualche minuto della giornata…

5 – Non è infarcito di troppa pubblicità. Pubblicizzo solo ciò che merita, questo non è uno showroom.

- La domanda delle domande: spiega brevemente quando e perché  hai deciso di aprire il tuo blog

Nel corso dei post e degli anni mi è capitato già di rispondere a questa domanda. Ho aperto il primo blog anni e anni fa con l’intenzione di trovare una dimensione in cui condividere passioni, in cui trovare nuovi stimoli e provare nuovi percorsi. Avere un blog significa per me aprire una finestra nella mia mente e sul mondo, dire la mia senza filtri e conoscere gente che si esprime liberamente e che ha voglia, come me, di comunicare e far parte di questo grande scambio di informazioni e pensieri che avviene nella blogosfera ogni giorno. Un blog è una sfida con se stessi, un progetto, un impegno, ma è anche un momento di sfogo, un soffio di libertà, un non luogo accogliente e conviviale. Scrivere mi fa stare bene, scrivere con e per gli altri mi fa stare bene anche di più.

- E ora la premiazione ad altri 5 blog “affidabili”

Federica

Phoebes

Scarabocchi di pensieri

Cami

Chiara

Bene gente, con questo abbiamo finito. Alla prossima!

You May Also Like

22 commenti

  1. Pure io lascio sempre la lista della spesa a casa!

    Buona giornata cara.

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto complimentissimi per i premi, iper-meritati!
    E poi, il punto 6 del primo gruppo e la risposta 7 del secondo .. beh, siam praticamente gemelle :)

    RispondiElimina
  3. davvero complimenti per tutti questi premi fragolina
    xoxo
    buona giornata

    NEW POST!!!
    FOLLOW ME ON:
    The simple life of rich people blog

    RispondiElimina
  4. complimenti per i premi ricevuti, come dico sempre a tutti è bello riceverli ;)
    e poi grazie a questo scambio di premi si scopre sempre qualcosa in più sui blogger :D
    buona giornata

    RispondiElimina
  5. Grazie!!! Anch'io gioco con le etichette delle bottiglie, le stacco e le distruggo! Tra l'altro non lo faccio mai a casa ma solo al bar o ristorante deve essere un riflesso inconscio di disagio, non lo so... Ma non è grave per cui non provo neppure a trattenermi.

    Mi piace la tua nuova idea di interior design! Anch'io, quando avrò una casa mia, vorrò tenere tutti i libri in vista e farò una cosa simile. Però fossi in te non mi lamenterei! I miei non letti sono più di 190...

    RispondiElimina
  6. Complimenti per questa incetta di premi che hai fatto... e grazie!

    ciccio pasticcio è stupenda!!!

    RispondiElimina
  7. Bè riguardo i tuoi 41 libri da leggere non avevo dubbi, io se va bene ne ho 40 in libreria terribile ma nonostante tutto mi presento agli altri come una a cui piace leggere (1 contraddizione).
    La lista della spesa? me la porto dietro ma dimentico sempre qualche ingrediente per la torta che avevo deciso di fare.
    E se la Marrone "dimentica tutto e dimentica tutti" tu puoi tranquillamente confoderla con l'Atzei...
    A presto

    RispondiElimina
  8. Grazie di cuore fragolina!! Per domani ho un post programmato che riguarda anche te :-) quindi questo premio lo posto lunedì. Grazie di cuore per avermi pensata. Un bellissimo premio molto gradito. :-) Domani ti faccio io 2 regalini :-D Mille baci!! A presto!!

    RispondiElimina
  9. Ciao! Grazie mille per il premio, proverò a rispondere alle domande, in genere sono una frana in queste coseXDD
    Ah, dimenticare la lista della spesa dopo averla accuratamente compilata è un grande must, succede sempre anche a meXD

    RispondiElimina
  10. io ringrazio per il ringraziamento e per il premio Liebster! grazie grazie grazie!

    RispondiElimina
  11. Complimenti per il premio! Mi ha fatto piacere conoscerti un pò di più attraverso questo post;) baci

    RispondiElimina
  12. Complimenti per i premi, e graaaaaaaaazie! :D Me felice di essere affidabile! :D

    RispondiElimina
  13. Grazie mille Strawberry!!! Presto ci farò il post. :)

    RispondiElimina
  14. Auguri per i premi!
    Beata te che hai 41 libri che non hai letto e in bocca al lupo per un corso di giapponese!

    RispondiElimina
  15. Grazie mille per il premio <3 Wow 41 libri in attesa son tanti, io già quando sono a quota 3 acquisti fatti e poi non letti inizio ad avere i sensi di colpa e ad impormi di leggerne almeno uno prima di comprarne un altro xD

    RispondiElimina
  16. Grazie mille per il premio mi fa davvero molto piacere!
    Preparo un post a riguardo appena posso ^_^

    RispondiElimina
  17. Ooooh *____* Sei davvero troppo gentile! Grazie di cuore per questo bel premio <3

    RispondiElimina
  18. Complimenti per i tuoi premi!! Leggo che abbiamo molte cose in comune: casa piena di libri da leggere, acquisti compulsivi di libri e...corso di giapponese! (io, non avendo tempo per frequentarne uno dal "vivo", ho comprato un libro per studiare da autodidatta...difficilino eh...ma quando riesci ad imparare una parola...bhe...sono soddisfazioni!!) :-)
    Trovi i miei ringraziamenti ufficiali qui :
    http://langolinodiale.wordpress.com/riconoscimenti-per-il-mio-angolino/

    Grazie ancora e a presto (anzi..dovrei scrivere: Sayōnara)!! Baciii!!

    RispondiElimina
  19. Ahuahua grande solidarietà per la scena della spesa, a me succede ogni volta e ogni volta è una tragedia per me che faccio di ogni cosa un dramma. Jane Eyre è una mia grandissima mancanza, ogni volta che leggo quel titolo dico e mi riprometto di andarlo non solo a comprare o farmelo prestare, ma anche di leggerlo e anche con una certa celerità...rimedierò, vedrai :) un bacione

    RispondiElimina