Libri in viaggio – Viaggio 3

by - 18:20

 

Ehilà gente! Dopo qualche settimana di silenzio, torna la rubrica delle letture itineranti miei e dei malcapitati che, in viaggio con me, sono stati spiati dalla sottoscritta.

In questo viaggio:

IO:

Questa settimana sono tornata giù dai miei in Puglia per qualche giorno. Rotolando verso Sud, non volevo viaggiare pesante e così ho deciso di leggermi un ebook sul mio amato iPad. Il risultato è stato proseguire con la saga 50 shades e leggere il secondo capitolo: Cinquanta sfumature di nero di E. L. James

 

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei...

 

Ho terminato la lettura ieri e devo dire che se era possibile che la saga andasse peggio, questa possibilità si è davvero realizzata. Più che un libro un’ignominia. E anche una noia…Questa volta non ci sono neanche quelle scenette pseudo-erotiche a movimentare la storia. Tutto si fa alla vaniglia salvo per un guizzo sadomaso alla fine. A me la vaniglia non è neanche mai piaciuta più di tanto…meno male che ora resta solo il terzo capitolo. Non mi giudicate troppo male; odio avere non iniziati in giro, ormai i tre ebook li ho, quindi tanto vale farla finita…

GLI ALTRI:

Nel viaggio che mi portava su a Torino più di un mese fa, sale sul treno con me una famiglia di lettori. Una vera rarità: ogni membro della famiglia leggeva qualcosa.

Il padre si stava gustando un giallo: L’uomo inquieto di H. Mankell.

In una fredda giornata d'inverno, Hakan von Enke, alto ufficiale di marina ora in pensione, scompare durante la sua abituale passeggiata mattutina a Stoccolma. Un caso che tocca da vicino il commissario Wallander. Von Enke è il futuro suocero di sua figlia Linda, il nonno della sua nipotina, e di recente gli aveva confidato aspetti soprendenti di un dramma politico-militare risalente a più di due decenni prima, quando sottomarini sovietici erano stati avvistati in acque territoriali svedesi. Kurt Wallander è vicino a un grande segreto della storia del dopoguerra. La sua lotta incessante alla ricerca della verità è ora l'impegno di un uomo che sta facendo i conti con la propria vita assediata da ombre minacciose, e che, talvolta deluso dai colleghi e dal sistema, ritrova il calore e gli affetti della sua famiglia. Con questo ultimo episodio che chiude definitivamente la serie poliziesca che l'ha reso celebre in tutto il mondo, Mankell è riuscito per la critica a creare un pezzo di grande letteratura sul tema della vecchiaia rivestendolo abilmente delle spoglie del giallo. Kurt Wallander, come scrisse Le Monde "uno dei più bei personaggi tra i romanzi polizieschi contemporanei", è stato per molti tra le figure più riuscite e affascinanti della narrativa di genere dei nostri giorni, aprendo la strada al fenomeno del giallo dalla Scandinavia.

 

Doveva essere un viaggio di piacere, da turisti in visita al capoluogo piemontese, perché la mamma, accanto a una guida e una mappa, sfogliava un libro intitolato L’altra Torino.

E se per una volta ci dimenticassimo del centro, facendo finta che sia qualcosa che esiste solo in virtù di altri centri? Proprio come i 24 quartieri che formano il corpo della città di Torino. L’altra, appunto. La guida muove i suoi passi partendo da questa piccola provocazione, condivisibile o meno che sia. Sicuramente diversa. Così come si presenta sempre diversa la città in ogni suo angolo, dal più periferico al più altisonante, comunque e ormai, nel bene o nel male, in continua evoluzione.

L’altra Torino è un progetto di avvicinamento e scoperta della città. Una guida che propone percorsi inediti in tutti i quartieri a esclusione del centro storico.
I vari itinerari sono corredati da un ricco apparato fotografico e contengono mappe, indicazioni sulla durata e sui mezzi migliori per effettuarli, box con approfondimenti, digressioni storiche, artistiche e culturali, curiosità indicate dagli autori.

 

Il figlio invece leggeva un classico, uno dei miei preferiti: Gente di Dublino di James Joyce.

 

 

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino.

 

 

 

A Parigi vedo la gente che legge in Metro. Resto sempre piacevolmente sorpresa di quanto negli altri Paesi lo spostamento con i mezzi coincida spesso con la lettura. Non è una cosa che in Italia vedo spesso. Molti titoli in francese che non sono riuscita a decifrare e ve ne chiedo scusa, ma poi mi accorgo che un ragazzo legge un Sellerio, molto in tema con il tema di questa rubrica dato che si trattava di un memoriale di viaggio, di un grande scrittore italiano scomparso quest’anno: Notturno indiano di Antonio Tabucchi.

 

Si tratta di un resoconto di viaggio narrato in prima persona. Il narratore percorre l'India alla ricerca del suo amico Xavier. Attraverso varie tappe, si sviluppano gli incontri più disparati: a Bombay, con la prostituta Vimala Sar, con il medico dell'ospedale e con un devoto jainista in attesa del treno; a Madras, con una certa Margareth e con il direttore della Theosophical Society; sulla strada per Mangalore, con un mostruoso Arhant e suo fratello; a Goa, con il fantasma del viceré delle Indie, con Padre Pimentel, con il postino Tommy, con degli impiegati d'albergo ed infine con la fotografa Christine.

 

 

 

Infine quest’ultima discesa in treno mi ha visto sbirciare un libro uscito da poco che mi incuriosisce molto, essendo di uno dei miei scrittori preferiti: Di tutte le ricchezze di Stefano Benni.

Martin è un maturo professore e poeta che si è ritirato a vivere ai margini di un bosco: è una nuova stagione della vita, vissuta con consapevolezza e arricchita dai ricordi e dalle conversazioni che Martin intrattiene con il cane Ombra e con molti altri animali bizzarri e filosofi. In questa solitudine coltiva la sua passione di studioso per la poesia giocosa e per il Catena, un misterioso poeta locale morto in manicomio. Questa tranquillità, che nasconde però strani segreti, è turbata dall'arrivo di una coppia che viene a vivere in un casale vicino: un mercante d'arte in fuga dalla città e Michelle, la sua bellissima e biondissima compagna. L'apparizione di Michelle, simile a una donna conosciuta da Martin nel passato, gonfia di vento, pensieri e speranze i giorni del buon vecchio professore. Il ritmo del cuore e il ritmo della vita prendono una velocità imprevista. Una velocità che una sera, a una festa di paese, innesca il vortice di un fantastico giro di valzer. Leggende, sogni, canzoni, versi di un poeta che la tradizione vuole folle e suicida, telefonate attese, contattisti rock, cinghiali assassini, visite di colleghi inopportuni, comiche sorprese, goffi corteggiamenti e inattese tentazioni: tutto riempie di nuova linfa una stagione che si credeva conclusa, e che si riapre sul futuro come un'alba. Martin e tutti quelli che lo circondano sembrano chiusi in un bozzolo di misteri: si tratta di attendere la farfalla che ne uscirà.

 

E con questo è tutto. Voi avete sbirciato qualche titolo viaggiatore? 

Al prossimo viaggio!

 

Photobucket - Video and Image Hosting

Foglie sulla neve #5

Il mio telefonino fa le bizze da un po’. A volte si impalla, si spegne, il software amorcito ingegnere lo ha pure aggiornato ma continua a far casino. Da un paio di settimane mi nasconde anche gli sms. Mi arrivano ma io non so nulla fino a quando non vado nella cartella messaggi. Non fa più trilli né appare l’icona che indica solitamente la presenza di qualche sms. Così leggo tutto in ritardo. Un nervoso che non vi dico. Ma mi rassegno, non posso cambiarlo al momento e per quel poco che lo uso per il momento posso sopportare.

In questi ultime settimane, sarà il cambio di stagione o che ne so, i miei capelli sono ingestibili. Si sporcano subito, cosa mai successa, e mi paiono secchi, i ricci non sono morbidi né lucenti. Una tragedia, insomma.

Soffro anche un po’ di insonnia da qualche tempo. Troppi pensieri o assenza di essi, il tempo, la congiunzione astrale di paolo fox, vallo a capire. Ma dormo poco. Ho sempre dormito poco e di solito vado a letto tardissimo, ma adesso dormo anche male e molto meno.

In poche parole, sono un disastro.

Poi mercoledì torno a casa dai miei per una mini-vacanza e succede. Il telefono mi sorprende giovedì mattina trillando tutti i suoi messaggi. Faccio una bella doccia e i capelli risultano morbidi e setosi. E poi riposo meglio e, insolito per me, ho voglia di dormire, ma tanto, almeno 7/8 ore. E se potessi mi farei anche una siesta pomeridiana. Dormo come una bambina. Questo probabilmente grazie anche alla risoluzione di alcuni miei dubbi (vi racconterò presto cosa mi sta succedendo), ma insomma mi pare di essere in pace con il mondo. Quasi non mi riconosco.

Forse è vero che non c’è aria migliore che quella di casa. Durerà poco, so che a breve mia mamma mi farà rizzare i capelli per il nervosismo di troppa convivenza e non vedrò l’ora di tornare su, ma per il momento sono tranquilla. E mi godo finalmente il bip del mio cellulare…

You May Also Like

22 commenti

  1. Credo di essere tra le poche che non hanno ancora letto 50 sfumature, non mi attira e non certo per l'argomento... continuo a leggere pareri e recensioni di gente delusa da questa trilogia che è tra i libri più venduti... mahhh!!
    buona serata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è certo il libro che consiglierei...scritto male e dopo il primo diventa noioso...

      Elimina
  2. sai cosa mi piace di queste sfumature?
    che con chiunque parlo mi fa la sua personale classifica dei tre libri con giudizi totalmente opposti su ciascun libro.
    Io mi ero quasi convinta a leggere anche il secondo e il terzo ma poi la littizzetto mi ha svelato il finale e allora lascio stare!

    il libro su torino dev'essere molto carino!

    io Venuto al mondo te lo straconsiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si diciamo che la cosa divertente è proprio parlarne...male soprattutto...ahhahaha! Io come detto sopra, ormai ce li ho e me li leggo, ma anche senza sapere come finisce lo si intuisce abbastanza rapidamente...
      Il libro su Torino mi incuriosiva in effetti...

      Venuto al mondo nella top dei film da vedere...:-)

      Elimina
  3. Oh wow! Notturno indiano l'ho letto poco tempo fa ed e' meraviglioso... grazie per aver melo fatto ricordare :-)

    RispondiElimina
  4. Una mia amica mi sta tampinando con la lettura delle sfumature... ma Camilleri e Montalbano al momento hanno la mia massima attenzione!

    Bacio

    RispondiElimina
  5. Sei di Torino anche tu? Fico :) per quando riguarda i libri scelgo Dubliners di Joyce e su sfumature preferisco il silenzio ai soliti commenti schifati. Io sono di quelle che sostengono che le donne hanno bisogno di amore e non di sottomissione. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento vivo a Torino anche io, ma sono pugliese con un passato universitario a bologna e un animo spagnolo...lunga storia...anche secondo me c'è bisogno di amore, ma se qualcuno vuole praticare il sadomaso non sarò certo io a giudicarli, ognuno trova piacera in ciò che desidera...

      Elimina
    2. Torino?
      allora non siamo poi così distanti, m'hai portato le orecchiette?
      Ti abbraccio

      Elimina
  6. Viaggiare e leggere insieme è una delle attività più belle al mondo. Perdersi fra le pagine del libro mentre si vola o si corre a velocità indeterminate verso posti sconosciuti. Poi alzi un attimo lo sguardo e trovi davanti a te paesaggi nuovi e ti senti serena. Purtroppo viaggio tutti i giorni ma per guadagnare tempo sono costretta a studiare ngli spostamenti, e non è un libro piacevolissimo quello che sto affrontando adesso.
    E' un momento che a causa università sto trascurando la lettura e non sai quanto ne soffro ...

    quasi quanto il tuo cellulare, i tuoi capelli e la tua insonnia messi insieme! Chissà se presto resusciterà anche il mio tempo per la lettura :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proseguo: per quanto riguarda 50 sfumature divattellaschifo. Non vedevo l'ora di sapere se anche tu come me avessi ceduto alla lettura, visto che tutti ne parlavano prima di criticarlo almeno volevo leggerlo. Il primo libro mi ha lasciata talmente inorridita che non ho saputo avvicinarmi al resto.
      La maggior parte delle persone che ho visto lodare questo libro sono represse, single, vergini e con la bava alla bocca quando qualunque essere dotato di pene le si avvicini. Anche soloo per chiedergli che ore sono.
      Il punto per me è un altro. Non mi interessa la sconcezza figuriamoci, e sostengo che la provocazione sia un ingrediente fondamentale nel rapporto sessuale fra due persone. Ma A: è scritto con i piedi B è banale fino ai limiti del ridicolo ed è quanto di più scontato esiste C ha tanto successo perchè ormai la gente sa solo criticare i rapporti senza fare autocritica quando li si vivono, perchè preferiscono leggere il libro di una storia inverosimile piuttosto che impegnarsi seriamente nella loro vita. Non avrei niente da dire se fosse un libro letto per arraparsi, ottimo obiettivo va bene. Ma mi fa incazzare che sia un best seller e che sia in mano a tutte come se fosse una bibbia! Ma leggete Anna Karenina per dio!!

      Elimina
    2. Parole sante...scritto malissimo e nel secondo è di una banalità sconcertante...io mi ci sono avvicinata perché 1: mi hanno regalato i tre ebook e 2 perché per parlare male di una cosa io devo prima sapere di cosa sto parlando. Ora li terminerò per quello che ho detto sopra, ma ovviamente li alternerò con buona letteratura come sto facendo ora e per rispetto al mio cervello...per le persone che lo trovano bello, rispetto i gusti ma bisognerebbe ammettere che non è un libro che può fare storia...bah...

      Elimina
  7. io ho sbirciato il segreto di Clarice Lispector

    RispondiElimina
  8. per i capelli che si sporcano subito: ti capisco! anch'io ho lo stesso problema... troppo smog? riguardo alla difficoltà a dormire: idem. voglio capire se i "dubbi" di cui parli sono uguali ai miei... nel frattempo un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I dubbi cara sono come i tuoi più una serie di altre cose...in generale si parla di futuro...io fin che dura sta tranquillità me la godo, che chissà cosa succederà poi! Un besito! :-)

      Elimina
  9. Ma ho abbandonato a metà "Cinquanta sfumature di grigio"...
    Vorrei leggere "L'uomo inquieto" e "L'altra Torino" e anche "Notturno indiano" perché leggo sempre in treno e in metro...
    Grazie sempre per i consigli...

    RispondiElimina
  10. Mi piace sbirciare quello che la gente legge in giro, ma devo ammettere che è molto raro che me ne lasci ispirare per le letture... anche se i lettori che hai incontrato tu erano già abbastanza evoluti: Gente di Dublino, Tabucchi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io mi limiti a rimanere incuriosita...non so se leggerò tutto ciò che vedo, anzi spesso sarà no, ma può darsi che dia anche a voi qualche ispirazione...chissà..:-)

      Elimina
  11. leggere 50 pagine delle sfumature mi son bastate per non reputarlo altro che letteratura inadatta a me... e non aggiungo altro é la mia arringa in proposito ve l'ho già sciroppata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io preferisco conoscere e poterne parlare con cognizione di causa...ma capisco che io ho avuto anche del gran tempo a disposizione per le ca**te e non tutti possono averlo...:-)

      Elimina
  12. Che bella la famiglia di lettori! :)

    A proposito dei lettori della metro, hai visto questo blog: http://undergroundnewyorkpubliclibrary.com/
    Io lo adoro!!!!!

    RispondiElimina